........attendi qualche secondo.

#adessonews ultime notizie, foto, video e approfondimenti su:

cronaca, politica, economia, regioni, mondo, sport, calcio, cultura e tecnologia.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

 

TIM (empresa) #adessonews

TIM SpA y Telecom Italy SpA [2][3][4][5][6] es una ‘ empresa italiana de telecomunicaciones , empresa matriz del Grupo TIM , que ofrece en Italia y en el extranjero servicios de telefonía fija , telefonía móvil , telefonía pública , Telefonía IP , Internet y televisión por cable (en tecnología IPTV ).

La empresa es propietaria de TIM , la marca italiana de telefonía fija y móvil, que también está presente en Brasil con la marca TIM Brasil , y en la República de San Marino con la marca TIM San Marino . [7][8] Telecom Italia es también el séptimo grupo económico italiano por volumen de negocios y se encuentra entre los quinientos más importantes del mundo. [9] La empresa cotiza en el índice FTSE MIB de la Bolsa de Valores de Italia .

Proveedor de servicios en el sistema de conectividad pública (SPC), Telecom Italia gestiona parte de la conectividad de Internet e intranet de la administración pública italiana en espera de la adquisición de los proveedores ( Tiscali , BT Italia y Vodafone Italia ) adjudicatarios de la licitación de Consip , [10] en virtud del contrato firmado en 2016. [11][12]

A partir del 13 de enero de 2016, la empresa adoptó la marca TIM unificada, renunciando efectivamente a la antigua marca Telecom Italia, activa desde 1994. [13][14][15]

Historia

Los origenes

El gobierno de Mussolini con el real decreto-ley del 8 de febrero de 1923, n. 399 reorganizó el sistema telefónico dividiendo el territorio italiano a partir de 1925 en cinco zonas gestionadas por cinco operadores diferentes: en Lombardía , Piamonte y Valle de Aosta ( STIPEL ), en Tre Venezie ( TELVE ), en Liguria , Italia central del Tirreno y Cerdeña ( TETI ), en Emilia-Romagna e Italia central del Adriático ( TIMO ) y en el sur de Italia ( SET ).

En 1964 las cinco empresas se fusionaron bajo el nombre de SIP . [dieciséis]

En el mismo año, la Compañía de Financiamiento Telefónico (STET), parte del grupo IRI para el sector de las telecomunicaciones , pasó a controlar: Telespazio , [17] una empresa activa en el campo de las comunicaciones espaciales, Radiostampa, una empresa responsable del telégrafo y servicios de radiotelegrafía e Italcable , empresa dedicada a las telecomunicaciones intercontinentales. [18] En 1964 STET también creó su propio centro de investigación experimental para el grupo, a saber, el Centro de Estudios y Laboratorios de Telecomunicaciones (CSELT) en Turín y, en 1976, el campus de la Escuela Secundaria Guglielmo Reiss Romoli en L’Aquila para su Formación en actividades propias. [19]

Luego de la crisis económica de la década de 1970 , que también golpeó a SIP, la década de 1980 vio el plan de reestructuración de la empresa con la introducción de la nueva marca corporativa, una mayor variedad de servicios y productos, así como innovaciones tecnológicas, como nuevos sistemas informativos. En 1985, con el proyecto de San Salvador, se inició el proceso de digitalización de la red telefónica en todo el territorio italiano, a lo que se sumó la introducción de fibras ópticas , luego de haber realizado experimentalmente, en 1977, la primera línea urbana del mundo con diseño CSELT. y tecnología [20] .

En 1985, STET vendió algunas acciones de SIP del 82% al 54% de la participación accionaria, sin dejar de tener el control.

En 1993 se inició el advenimiento de la red inteligente , que ofrecía por primera vez una amplia gama de servicios en toda Italia, por ejemplo el nuevo número gratuito , que existía desde hacía algunos años en la red telefónica general (RTG) y en el datos de la red telefónica (RFD). [21]

La reorganización y la fusión STET-SIP

El nacimiento de Telecom Italia en la portada del folleto suplementario de la revista de la empresa Selecting Sip n. 5, 1994

El nacimiento de Telecom Italia está íntimamente ligado al proceso de liberalización del sector de las telecomunicaciones , iniciado en los Estados Unidos de América a principios de la década de 1980 y sentido también en Europa , donde estuvo fuertemente ligado a la privatización de los operadores nacionales. [22][23]

Telecom Italia

Telecom Italia nació formalmente el 27 de julio de 1994, con la escritura de fusión aprobada por las juntas de accionistas del 19 de mayo del mismo año de SIP con Iritel , Telespazio , Italcable ySIRM , empresas del grupo STET que ya operan en el sector de las telecomunicaciones. . Ello siguió al “plan de reorganización del sector de telecomunicaciones” presentado al Ministerio de Hacienda por el IRI el 30 de junio de 1993, en el marco de lo dispuesto en la Ley 58 de 29 de enero de 1992. [24]

Telecom Italia Mobile

En 1995, con una escisión parcial de la matriz, nació Telecom Italia Mobile (TIM), cuyo capital estaba controlado en un 63,01% por STET. Con el fin de maximizar los ingresos de la privatización prevista, en 1997 se decidió llevar a cabo el llamado plan SuperSip , es decir, la concentración de todas las actividades operativas en la empresa que se pondrá a la venta. La Finanziaria STET y Telecom Italia se fusionaron: la nueva empresa tomó el nombre de Telecom Italia.

A finales de 1996, bajo la dirección de Vito Gamberale y Ernesto Pascale , TIM fue el primer operador mundial en lanzar un plan tarifario basado en una tarjeta prepago en la red GSM, que generó rápidamente un rápido crecimiento de la telefonía móvil [25] . En cuanto al desarrollo de la red de fibra óptica, el proyecto Sócrates [26] fue inaugurado y luego abandonado debido a los altos costos. [27][28]

Páginas Amarillas de Privatización

Al mismo tiempo, Seat Pagine Gialle se separó de Telecom Italia y en 1996 se completó la privatización a favor de Ottobi, un consorcio formado por De Agostini (accionista mayoritario), Telecom (20%), Comit e Investitori Associati.

1997: privatización

Torre Telecom Italia en Roma, vía Mario Carucci

Bajo la presidencia de Guido Rossi y la salida de Ernesto Pascale , el 20 de octubre de 1997 el gobierno Prodi llevó a cabo la privatización de la empresa: de la venta del 35,26% del capital se obtuvieron aproximadamente 26.000 millones de liras. La privatización, que supuso la salida casi total del Tesoro de la participación accionaria de Telecom, se llevó a cabo a la manera del llamado “núcleo duro”: se vendió intentando crear un grupo de accionistas que supieran asumir la gestión de la empresa. El gobierno no tomó en consideración el plan propuesto por las asociaciones, de que más de 100.000 empleados se incorporen a la capital de Telecom. [29]

Al término de la OPV (Oferta Pública de Venta), las acciones se colocaron en 10 902 liras ; el 27 de octubre de 1997, Telecom Italia privatizada se cotizó en la Bolsa de Valores de Milán . [30][31][32] Debido a la falta de respuesta de los inversores italianos, el “núcleo duro” no era realmente tal: el grupo, liderado por la familia Agnelli , reunió solo el 6,62% de las acciones y demostró ser muy frágil. [33] En noviembre de 1998 Franco Bernabè fue elegido Consejero Delegado de Telecom Italia.

1999-2001: La OPA de Olivetti y la dirección de Colaninno

A partir de febrero de 1999, Olivetti – ya en el sector de las telecomunicaciones con Omnitel e Infostrada , luego vendida a Mannesmann – lanzó una OPAS (oferta pública de compra y canje) a través de Tecnost de Roberto Colaninno logrando obtener, en junio del mismo año, el control de la empresa. con una participación del 51,02%. La OPAS tuvo éxito a pesar de la oposición de Bernabè, que consideró el documento del plan “incompleto” y no conforme a la legislación vigente. [34][35] El Financial Times criticará el acuerdo. [36]

Telecom era una de las pocas empresas italianas con una amplia participación accionaria , en la que el Tesoro seguía teniendo una participación del 3,5%, equivalente a dos mil millones de euros. Hacienda no compareció a la junta de accionistas que debía decidir las contramedidas a la OPA, prefiriendo mantener la neutralidad con respecto a la operación. La ley de acciones de oro habría otorgado al Tesoro el derecho a vetar la operación. [37]

El importe con el que se financió la OPA, un total de treinta mil millones de euros, se recaudó en un tercio mediante acciones (ampliación de capital y venta de Omnitel e Infostrada) y en dos tercios mediante el préstamo bancario y conversión de acciones de Telecom en bonos. y acciones de Tecnost, la filial de Olivetti que se había endeudado para controlar Telecom. [38] En este momento, Bell, una empresa con sede en Luxemburgo , controla la cadena upstream con el 22% de Olivetti. [39] El grupo Olivetti, con un volumen de negocios de sus propias actividades de 1.300 millones y una deuda de 16.000 millones, controlaba el 51% del grupo Telecom, que en 1999 tenía un volumen de negocios de 27.100 millones y una deuda de sólo 8.100 millones.

Como resultado de la expansión internacional en Europa y Sudamérica, iniciada durante la gestión pública, y tras la compra de Seat Pagine Gialle , la deuda del grupo Telecom ascendió a 21.900 millones, según consta en los estados financieros de 2001.

En 2001, el histórico centro de investigación CSELT , antes IRI-STET, se escindió después de casi 40 años de investigación al nivel de excelencia [40] : el grupo de tecnologías de voz realizó una escisión convirtiéndose en una nueva empresa, denominada Loquendo SpA y 100% controlado por Telecom; mientras que la mayor parte se convirtió en TILab (Telecom Italia Lab), también controlada en su totalidad por Telecom Italia.

2001-2007: gestión de Provera Tronchetti

Olimpia y la fusión Olivetti-Telecom Italia

En 2001, con el regreso de Berlusconi al gobierno , Colaninno y sus socios decidieron cambiar de manos. Después de varias negociaciones, se llegó a un acuerdo con Benetton y Tronchetti Provera, presidente de Pirelli. [41]

Los nuevos propietarios de Telecom Italia pagaron 4,175 euros por acción, por el 23% de Olivetti propiedad de Bell, una cifra altísima teniendo en cuenta que el precio de mercado era de 2,25 euros. Esta operación permitió a Tronchetti Provera reducir la deuda de la empresa principalmente, evitando el lanzamiento de una OPA. Este último habría costado más a su estructura accionarial, pero habría reducido el peso de la deuda de Olivetti en Telecom Italia [26][42][43] .

La venta del 23% generó una plusvalía (1.500 millones de euros) para Bell, una empresa de vehículos luxemburguesa, gracias a la cual Colaninno y Emilio Gnutti tenían el control de Telecom. Debido a esta plusvalía, Bell fue investigado por evasión fiscal [44] y multado por la Agencia Tributaria por 1.937 millones de euros. [45] La liquidación con adhesión a la que acordaron los accionistas de Bell permitió la reducción de las sanciones a una cuarta parte del mínimo, por lo que la empresa tuvo que pagar solo 156 millones a las autoridades fiscales . [45]

En julio de 2001, Telecom estaba controlada por la compañía financiera Olimpia , una participación de Pirelli (60%), Edizione Holding de Benettons , Banca Intesa y Unicredito Italiano , a la cual Hopa, la compañía financiera de Gnutti con sede en Brescia (a través de Holinvest, China caja (vacío) [ cita requerida ] ) a través del cual Hopa poseía el 3,7% de Telecom Italia. Por tanto, la nueva dirección del Grupo fue dirigida por Marco Tronchetti Provera y el domicilio social se trasladó de Turín a Milán.

Con el fin de acortar la cadena de control, con el fin de saldar las deudas de los nuevos accionistas mayoritarios sobre la propia empresa, el 4 de agosto de 2003 se produjo la fusión con la matriz Olivetti que incorporó Telecom Italia y al mismo tiempo asumió su denominación social. [46] Tras esta operación, las deudas de los accionistas mayoritarios se transfirieron al grupo Telecom. De hecho, la deuda neta pasó de 18,1 mil millones (presupuesto de 2002) a 33,3 mil millones (presupuesto de 2003). Para hacer frente a la importante deuda, la mayoría de las filiales extranjeras se vendieron y las propiedades se vendieron a los fondos en poder de Pirelli Real Estate por un valor de 2.600 millones. El Grupo sufrió una reducción en el mercado internacional. [47] La enajenación de los activos inmobiliarios de Telecom Italia, que constan de más de 2000 edificios, incluidas oficinas y centrales telefónicas, había comenzado durante la gestión anterior por un valor de 2900 millones de euros. La historia de las desinversiones inmobiliarias de la gestión 1999-2007 ha sido objeto de críticas.[43]

La fusión entre Telecom Italia y TIM

El domicilio social de Telecom Italia en via Gaetano Negri, 1, 20123, Milán, Italia

En enero de 2005, Telecom lanzó una oferta pública de adquisición sobre TIM [48] , una empresa ya controlada en gran parte con una participación mayoritaria del 56%. El coste necesario para obtener acciones de TIM en el mercado elevó la deuda de Telecom de 29,5 a 46,7 mil millones de euros (datos provisionales de 2005), o alrededor del 150% de la facturación. La fusión entre Telecom Italia y TIM se financió con un crédito contratado con un consorcio de bancos, principalmente por Banca Intesa . [49]

Posteriormente, Telecom Italia adquirió todas las actividades de Internet de su filial Telecom Italia Media (es decir, Tin.it ), aportando a la empresa matriz todas las capacidades para proporcionar simultáneamente servicios de voz, móviles y datos, dando una idea de la idea de proporcionar nuevos servicios que aprovecharían la convergencia de datos fijo-móvil, centrándose en la red de ventas y manteniendo la cuota de mercado en el mercado nacional. [50]

A partir del presupuesto de 2005, la deuda financiera neta fue de 39.800 millones de euros. [51] Sin embargo, al igual que el año pasado, la empresa decidió, en marzo de 2006, dar prioridad al aumento de los dividendos para los accionistas; en respuesta, la agencia Fitch Ratings redujo la calificación de Telecom Italia de A- a BBB +. [52]

Dinámica del endeudamiento del Grupo Telecom según los estados financieros

Según los estados financieros, durante la gestión de Tronchetti Provera, la deuda neta del grupo Telecom Italia aumentó [42] (de 21 900 millones en 2001 a 37 300 millones de euros en 2006) simultáneamente con una reducción significativa[43] y venta de activos : la mayoría de las filiales extranjeras adquiridas en el período 1995-2000 (casi todas estratégicas o mayoritarias) [53] , 22.396 empleados y una parte de los activos inmobiliarios que consisten en edificios y centrales telefónicas vendidas a los fondos propiedad de Pirelli Real Estate y Morgan Stanley (amarrado a la propia Telecom a tarifas de alquiler promedio por encima de las tarifas del mercado, como sucedió durante la gestión de Colaninno). [54] Estos resultados se obtienen tras la oferta pública de adquisición de las acciones minoritarias de TIM (2005) y la anterior fusión Olivetti-Telecom (2003).

La hipótesis de la división en cuatro entidades.

El 11 de septiembre de 2006, el consejo de administración de la empresa decidió proceder a la división y reorganización de la empresa Telecom Italia en cuatro sectores distintos: [55][56]

La escisión de la red permitió el fácil acceso a todos los nuevos operadores alternativos en telefonía fija e internet.

En un principio se habló de una posible venta de TIM , tanto en Italia como en Brasil , valorada en 30-35.000 millones de euros y 6-7.000 millones de euros, respectivamente. La venta habría permitido a Telecom Italia pagar su deuda de 44.000 millones de euros. [57] Ha habido numerosas controversias, incluso de carácter político, sobre la posible venta del único operador de telefonía móvil italiano a una empresa extranjera oa Mediaset (hipótesis no imposible pero que habría acarreado problemas muy delicados relacionados con las normas contra empresas, ambas con importantes posiciones en telecomunicaciones). Posteriormente, el futuro presidente Guido Rossi declarará que no existían hipótesis para cambiar el perímetro de las actividades de Telecom Italia, excluyendo explícitamente cualquier traspaso. La división de Telecom Italia de TIM ha dado lugar a un cambio radical en el camino que se había tomado hacia la convergencia fijo-móvil.

Telecom Italia, en cambio, se habría ocupado de la telefonía fija y los medios de comunicación, sobre todo gracias a los acuerdos con News Corporation de Rupert Murdoch , en materia de contenidos televisivos. [58] Los acuerdos con Murdoch, sin embargo, no fueron del alcance esperado: solo se anunció la licencia del catálogo para la distribución en línea en Alice Home TV. [59]

Tras la decisión de la junta directiva, el primer ministro Romano Prodi dejó escapar su descontento diciendo “No sé nada”. El 15 de septiembre de 2006, tras el anuncio de la escisión de TIM, [60]Marco Tronchetti Provera , en controversia con Prodi, dimitió de la dirección de la empresa: la presidencia volvió, después de 9 años, a Guido Rossi, que había para salir de la FIGC. [61]

El nuevo acuerdo de control

La dirección de Telecom Italia en su nacimiento: Paolo Benzoni, Antonio Zappi, Vito Gamberale y Ernesto Pascale

El primer paso de Guido Rossi al frente de Telecom fue la creación, el 18 de octubre de 2006, de un “pacto de control” de la empresa entre Olimpia , Mediobanca y Generali , que controlaba un total del 21,5% de la empresa: Olimpia (ahora 80 % controlado por Pirelli y 20% por Edizione Holding ) aporta su propio 18%, Assicurazioni Generali 2,01%, Mediobanca 1,54%. [62]

El 15 de febrero de 2007, Assicurazioni Generali pasó de controlar el 2,01% al 4,06% de las acciones de Telecom Italia. [63] El acuerdo de control entre las empresas Olimpia, Generali y Mediobanca alcanza el 23,6%.

El pacto preveía restricciones sobre las acciones conferidas, la posibilidad de que las partes contratantes aumentaran sus acciones y también la de vender en forma preferente a los accionistas. También hubo oportunidad para que otros accionistas, que tenían más del 0,5% del Grupo, entraran en el acuerdo: se habló de la entrada de Intesa Sanpaolo , Capitalia y UniCredit , mientras que el segundo accionista Hopa (3,72%) se quedó fuera de el. El pacto fue un paso decisivo para fortalecer la estructura accionarial de la compañía telefónica, que con la entrada de nuevos socios podría haberse acercado al umbral del 30%, más allá del cual es obligatorio lanzar una oferta totalitaria.

El presidente del nuevo acuerdo fue, tras su salida de Telecom, Marco Tronchetti Provera .

También como consecuencia del acuerdo y la influencia de los nuevos accionistas en el control de las estrategias del Grupo, ha desaparecido definitivamente la hipótesis de restablecer a TIM como una empresa independiente y posteriormente venderla junto con Telecom Brasil.

Paréntesis de Guido Rossi

En febrero de 2007 Telecom inició contactos con la española Telefónica para la entrada de los iberos en la empresa italiana. [64] La hipótesis era vender una parte de Olimpia, la empresa financiera que controlaba el 18% de Telecom. El 1 de marzo de 2007, la empresa Telefónica anunció en un comunicado de prensa que se suspendieron temporalmente los contactos con Telecom Italia, pero que continuaron con otros accionistas para llegar a un consorcio.

El 16 de febrero de 2007, el BoD aprobó la nueva estructura organizacional basada en 4 entidades y los gerentes generales relacionados:

  • Servicios Fijos Domésticos: Massimo Castelli,
  • Servicios móviles nacionales: Luca Luciani,
  • Administración y control financiero: Enrico Parazzini,
  • Tecnología: Stefano Pileri. [sesenta y cinco]

El 9 de marzo de 2007 se presentó el nuevo plan industrial para el trienio 2007/2009 al que, sin embargo, el mercado reaccionó registrando una fuerte caída de las acciones de Telecom Italia, también ante el hecho de que los beneficios fueron hacia abajo y, para el futuro, se anunció una disminución de los dividendos . [66]

En septiembre de 2006, Beppe Grillo , un pequeño accionista de Telecom, lanzó una iniciativa que denominó ” OPA alla Genovese” (cuyo nombre oficial es Share Action ) en su blog , [67] con la que solicitó a todos los accionistas de Telecom Italia que le delegaran la representación en la junta, con el objetivo de alcanzar un número de acciones que le permita, y por tanto a todos los que se habían sumado, desanimar a los miembros del consejo de administración.

El 16 de abril de 2007, durante la asamblea de accionistas, Grillo tomó la palabra [68] y acusó a todo el directorio de manifiesta incapacidad gerencial, solicitando finalmente su renuncia ante el aplauso de los accionistas presentes en la sala.

Grillo también explicó que el largo trámite burocrático impuesto por Consob le impidió representar formalmente a todos los pequeños accionistas que le habían delegado su poder de voto, pero prometió que en la próxima junta los pequeños accionistas estarían representados de manera compacta. Junta de accionistas.

2007-2013: gestión italiana y telefónica

El cambio de propiedad de Olimpia a Telco en 2007

Gabriele Galateri de Genola

El 1 de abril de 2007, Pirelli , luego de una Junta Directiva extraordinaria, anunció que había recibido dos ofertas destinadas a tomar el 66% de Olimpia , el holding que tenía la participación controladora en Telecom Italia.

La empresa mexicana América Móvil de Carlos Slim Helú y la estadounidense AT&T -esta última se retiró de la operación el 16 de abril de 2007- hicieron ofertas cada una para adquirir el 33% de Olimpia [ cita requerida ] .

Sorprendentemente, a pocos días del anuncio de las dos ofertas, Guido Rossi , presidente de la compañía desde septiembre de 2006, no habiendo visto renovada su candidatura a miembro del consejo de administración (posteriormente renovada en la junta de accionistas del 16 de abril). , 2007) dimitió [69] como presidente de la empresa no sin haber criticado duramente a Marco Tronchetti Provera en una entrevista con La Repubblica . [70]Pasquale Pistorio fue designado presidente de transición en su lugar. [71] El 28 de abril, un consorcio italo-español formado por Mediobanca , Generali , Intesa Sanpaolo , Sintonia y Telefónica lanzó una oferta para hacerse con la participación de Pirelli en Olimpia, con la creación simultánea de un vehículo de propósito especial, denominado Telco SpA ( acuerdo de control): este último fue creado con el objetivo de controlar aproximadamente el 23% de Telecom Italia. Esta oferta fue aceptada por la Junta Directiva extraordinaria celebrada en esa fecha.

El 24 de octubre de 2007 se firmó el paso de Olimpia a Telco [72] que supuso la operación pero condicionando 28 a la empresa Telefónica, vinculada también a los países donde las 2 empresas competían, fundamentalmente en Sudamérica. En diciembre, Gabriele Galateri di Genola y el director general Franco Bernabè , ex presidente de la compañía telefónica, fueron nombrados presidente.

El 27 de octubre de 2009 los accionistas de Telco SpA, a excepción de Sintonia, renovaron el contrato de control por otros tres años.

En los mismos años también hubo un aumento en la atención a los problemas ambientales y sociales: específicamente el lanzamiento del proyecto de sostenibilidad avoicomunicare (8 de agosto de 2008), el nacimiento de la Fundación Telecom Italia (24 de diciembre de 2008) y el apoyo a las poblaciones de Abruzzo y Emilia-Romagna afectada por el terremoto. [73][74][75]

Gestión desde 2006

Franco Bernabè

A partir del 15 de septiembre de 2006, tras un delicado período vinculado al inicio de un proceso de reorganización, el prof. Guido Rossi , quien sucedió al renunciante Marco Tronchetti Provera , ex presidente de Pirelli y otras empresas. El vicepresidente fue Gilberto Benetton , quien también fue presidente de la empresa financiera Edizione Holding y Autogrill . Vice presidente esecutivo fu Carlo Buora , l’amministratore delegato Riccardo Ruggiero . [76] Tra i consiglieri spiccano Massimo Moratti , Carlo Alessandro Puri Negri (di Pirelli), Gianni Mion (di Benetton), nonché Giovanni Consorte (di Unipol ), quest’ultimo tra gli indagati per lo scandalo Bancopoli (poi dimessosi).

Alcuni mesi dopo, il 7 aprile 2007, Rossi si dimise [77] e venne sostituito da Pasquale Pistorio (vicepresidente di Confindustria e consigliere della società telefonica), [78] che dopo l’arrivo di Telco rassegnò le proprie dimissioni insieme a Riccardo Ruggiero e Carlo Buora. [79] La presidenza spettava ora a Gabriele Galateri di Genola , in carica dal 3 dicembre 2007, e Franco Bernabè ottenne la carica di amministratore delegato. [80]

Il 14 aprile 2008 venne nominato un nuovo consiglio di amministrazione, i cui 15 Amministratori restarono in carica per il triennio 2008-2010: [81] Gabriele Galateri di Genola e Franco Bernabè vengono confermati rispettivamente presidente e amministratore delegato di Telecom Italia. [82] Allo scadere del mandato, il consiglio di amministrazione del Gruppo venne rinnovato nel 2011: Franco Bernabè fu nominato presidente esecutivo, mentre Marco Patuano divenne il nuovo Amministratore Delegato per il triennio 2011-2013. [83]

Il 5 ottobre 2012 Andrea Mangoni venne nominato presidente in Brasile di TIM Participações , [84] incarico che terminò il 7 febbraio 2013, quando rassegnò le dimissioni, [85] mentre Franco Bertone è direttore operativo ( COO ) del gruppo Telecom Argentina dal 2008. [86][87]

Open Access e altre iniziative del 2008

Nel febbraio 2008 Telecom Italia ha creato “Open Access”, [88] una nuova funzione per gestire tutte le attività di sviluppo e manutenzione delle infrastrutture tecnologiche di rete di accesso, i processi di fornitura dei servizi di accesso per la clientela della Telecom Italia e per gli altri Operatori e la relativa assistenza tecnica. Tutto ciò per una maggiore efficienza, qualità e parità di trattamento. [89] “Open Access” è stato alla base del dialogo fra la Telecom Italia e l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ed è stato anticipato dall’assunzione di impegni volontari, approvati dall’Autorità nel dicembre 2008. Gli impegni, che hanno al centro il ruolo ricoperto da “Open Access” e dai suoi nuovi processi per sviluppare in modo autonomo, separato e trasparente la rete d’accesso della Telecom Italia, servendo a rafforzare il contesto competitivo. Sono insomma una sorta di garanzia nei confronti dei rischi competitivi tradizionalmente associati all’integrazione verticale della Telecom Italia (ossia, essenzialmente, possibili condizioni privilegiate di accesso alla rete fissa), nonché sull’aumento del grado di concorrenzialità in tutti i mercati retail collegati alla rete di accesso.

Nel 2008 è stata anche costituita la Fondazione Telecom Italia. [90]

L’ipotesi di cessione totale di Telco a Telefónica e le dimissioni di Bernabè

Dopo che il titolo ebbe raggiunto il suo minimo storico a 0,5 euro ad azione, nella notte del 23 settembre 2013 Generali , Mediobanca e Intesa Sanpaolo raggiunsero un accordo con Telefónica per la cessione a quest’ultima delle loro quote in Telco. L’operazione avrebbe permettesso al gestore spagnolo di portare dal 46 al 66% la sua partecipazione nella holding che controllava il 22,4% di Telecom Italia, con un’opzione per un ulteriore incremento fino al 70% nel breve periodo per poi arrivare al 100% a partire da gennaio 2014, in caso di approvazione da parte delle autorità Antitrust .

Il 3 ottobre 2013 Franco Bernabè diede le dimissioni come presidente di Telecom Italia ricevendo una liquidazione di 6,6 milioni; [91] tutte le deleghe furono affidate temporaneamente all’ad Marco Patuano.

Nel periodo 2007-2013, durante la gestione Telco (Telefonica, Mediobanca, Intesa, Generali), dai dati di bilancio si registrò una riduzione dell’indebitamento netto (da 35,7 miliardi a 26,8 miliardi) e un calo del fatturato (da 31,3 miliardi a 22,4 miliardi) dovuto a vari fattori (concorrenza, over the top , vendita asset , azioni regolatorie, instabilità della Governance ). In questa fase, iniziò quel processo che vide una nuova composizione del fatturato con il calo dei servizi di voce (fissi e mobili) e la crescita della connettività e dei servizi a valore aggiunto.

2014-2018: Vivendi maggior azionista

Il 16 aprile 2014 si tenne l’assemblea societaria che insediò un nuovo consiglio di amministrazione, a maggioranza di membri indipendenti, e procedette con la nomina dei nuovi amministratori e di Giuseppe Recchi a Presidente del nuovo consiglio di amministrazione; [92] nel CdA del 18 aprile vennero conferite le deleghe e Marco Patuano confermato Amministratore delegato . [93]

L’uscita di Telco

Il 16 giugno 2014 Generali , Mediobanca e Intesa Sanpaolo hanno annunciato l’intenzione di uscire dal patto di controllo inerente all’holding Telco SpA: in virtù di ciò, nei prossimi mesi Telefónica deterrà direttamente una partecipazione di circa il 15% in Telecom Italia, diventandone unico azionista di controllo, [94] anche se di fatto gli amministratori Recchi e Patuano dichiarano che la società viene gestita come una società ad azionariato diffuso . La modifica della Corporate Governance ridusse il peso dell’azionista di controllo e traghettò progressivamente l’azienda verso lo status di società ad azionariato diffuso ( public company ). [95][96]

Il 16 luglio 2014 Telefonica si avviò a ridurre sotto il 10% la propria partecipazione in Telecom Italia attraverso l’emissione di un bond convertendo in azioni Telecom da 750 milioni, pari quindi a circa il 6% del capitale del gruppo italiano. L’annuncio degli spagnoli, che con lo scioglimento di Telco avrebbero il 14,8% di Telecom, fu in pratica una mossa preventiva in funzione Cade: a dicembre l’Antitrust brasiliano – dopo il rafforzamento di Telefonica nella holding Telco, che è primo socio di Telecom – aveva sottolineato che l’incremento della quota era contraria agli impegni assunti con l’Authority e aveva chiesto agli spagnoli di conseguenza di uscire da Telecom Italia o di vendere la TIM brasiliana per riequilibrare la propria presenza nel mercato sudamericano. Con il convertendo triennale dunque Telefonica si è avviata verso la riduzione del proprio peso in Telecom Italia.

L’ultrabroadband: introduzione e diffusione della fibra e del 4G

Il 20 febbraio 2014 Telecom Italia ha debuttato nel seed investment a favore delle startup digitali. [97] Gli investimenti, previsti per il triennio 2014-2016, si concentreranno sulle startup selezionate in base alla capacità d’innovazione sul fronte tecnologico, mobile, digitale e dell’ICT. Tale programma è parte del progetto Working Capital, attivo dal 2009, nel quale sono coinvolti circa 6 000 progetti di impresa. [98]

Nel marzo del 2014 è stato approvato il processo di fusione per incorporazione di TI Media in Telecom Italia, il cui perfezionamento era previsto entro il terzo trimestre 2015. [99] Il 19 febbraio 2015 venne annunciato il progetto d’integrazione tra le due società da attuarsi nella forma di una fusione per incorporazione di Telecom Italia Media in Telecom Italia. [100] Il programma era finalizzato al risparmio dei costi di gestione, alla razionalizzazione della struttura del Gruppo e alla semplificazione dell’intera offerta fissa, mobile, Internet dell’azienda. [101] La novità più significativa è che TIM diventerà l’unico marchio commerciale del Gruppo. [102] In occasione del rebranding sono stati pianificati investimenti per accelerare lo sviluppo delle reti di nuova generazione. [103]

Nell’aprile dello stesso anno l’azienda ha annunciato un accordo con Sky Italia per permettere agli abbonati l’accesso ai contenuti attraverso la connessione in fibra ottica di Telecom Italia. [104]

Il 26 giugno 2014 è stato modificato lo statuto per renderlo conforme alla disciplina del cosiddetto golden power , modificata dalla legge l’11 maggio 2012. [105]

Il 10 luglio 2014 si è conclusa con successo l’adesione al piano di azionariato per gli oltre 18 076 dipendenti che hanno richiesto la sottoscrizione di più di 96 milioni di azioni ordinarie. Fu previsto inoltre che si assegnasse 1 azione gratuita ogni 3 sottoscritte a tutti coloro che avrebbero conservato le azioni per un anno. La cifra investita da ogni dipendente ammontava a circa 4 500 euro. [106]

Il 16 ottobre 2014 venne comunicato che nel triennio 2014-2016 l’azienda avrebbe investito 9 miliardi di euro nello sviluppo delle infrastrutture di Rete. 3,4 miliardi erano destinati a sviluppare reti e servizi, soprattutto riguardanti il 4G e la Fibra ottica . [107]

Nell’ottobre 2014 sono stati approvati i programmi per la realizzazione in Calabria e in Molise della rete in fibra ottica. Telecom Italia si è aggiudicata, infatti, il Bando per le Regioni Calabria e Molise, relativo alla concessione di un contributo a un progetto d’investimento per la realizzazione di nuove infrastrutture ottiche passive abilitanti alle reti NGAN (Next Generation Access Network). Il principale obiettivo dei programmi era quello di fornire connettività con banda ultralarga a 227 comuni delle due regioni per favorire il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda Digitale Europea. [108] Nei primi mesi del 2015 il programma per la realizzazione della rete in fibra ottica ha coinvolto anche le regioni Puglia e Basilicata. [109] I comuni pugliesi coinvolti erano 148, mentre in Basilicata i comuni coperti dal servizio erano 64, ma il piano complessivo prevedeva di raggiungere 600 comuni entro il 2016 per una copertura di oltre il 50% della popolazione. [110] Nell’agosto 2015, Telecom Italia si è aggiudicata il Bando del Ministero dello Sviluppo Economico per la concessione di un contributo pubblico per la realizzazione di infrastrutture a banda larga in 136 comuni della Sicilia. [111]

Nel dicembre 2014, Telecom Italia ha celebrato cinquant’anni d’innovazione e ricerca in concomitanza con l’anniversario del centro di ricerca e innovazione del Gruppo, nato nel 1964 a Torino come CSELT (Centro studi e laboratori telecomunicazioni) e divenuto TILab nel 2001 (acronimo di Telecom Italia Lab; mentre il vecchio gruppo di Tecnologie vocali è divenuto lo spin-off Loquendo nello stesso anno). [112][113] Il Centro ha messo a punto le prime sperimentazioni di trasmissioni su cavi ottici interrati già negli anni ’70, la definizione dello standard MPEG (Moving Picture Experts Group) per la compressione digitale del segnale audio-video, che ha permesso la nascita dei CD e la diffusione dei file musicali mp3 su tutti i dispositivi (tablet, smartphone e PC) e le prime forme di video comunicazione digitale. [114][115]

Nel 1974 lo CSELT presentò il primo sintetizzatore vocale in tempo reale italiano. [116]

Negli anni 2000 il progredire degli studi e delle sperimentazioni ha permesso ai ricercatori di sviluppare il 4G e 4G Plus ( LTE e LTE Advanced ), che hanno reso Telecom Italia la 1ª telco in Europa e la 5ª al mondo per numero di brevetti nel settore della telefonia mobile. [117]

Nei primi mesi del 2015 è iniziata la procedura per la quotazione in Borsa di Inwit , la società che racchiude e gestisce le torri di trasmissione di Telecom Italia. [118][119]

L’azienda è anche un fornitore di servizi nel sistema pubblico di connettività (SPC), gestisce una parte della connettività internet e intranet della pubblica amministrazione italiana , in attesa del subentro dei fornitori che a maggio 2015 sono risultati aggiudicatari della gara Consip . [120]

Nel 2015 Telecom è stata partner dell’Esposizione Universale di Milano, [121] siglando un accordo con Ericsson per la fornitura di servizi di rete mobile in tale ambito. [122]

A partire da luglio 2015 il brand TIM (non più acronimo) è utilizzato per l’intera offerta di telefonia fissa , mobile e internet dell’azienda Telecom Italia ed è diventato operativo il sito unificato di TIM, che comprende le offerte e l’assistenza per la telefonia fissa e mobile.

La scalata del gruppo Vivendi del 2016

Nell’ottobre 2015 il gruppo francese Vivendi si mosse sul mercato azionario ordinario della Telecom, allo scopo di portare la propria quota di partecipazione intorno al 20% e aumentare la propria influenza sul consiglio di amministrazione dell’azienda. [123] Con tale operazione, Vivendi ottenne tre consiglieri nei comitati di gestione di Telecom.

Il 13 gennaio 2016 venne lanciato il nuovo logo TIM a segnare una discontinuità col passato [124] , mentre il rastrellamento delle quote continuava a più riprese nei mesi successivi quando Vivendi portava, nel gennaio 2016, la sua quota al 21,4% e il 19 febbraio 2016 al 22,8%. [125] Il 2 marzo 2016, con un investimento di 120 milioni di euro e in sole due settimane, il gruppo francese portò ulteriormente la propria quota di possesso di Telecom Italia al 23,8%. [126][127] La scalata proseguì fino all’11 marzo 2016 quando il gruppo francese Vivendi giunse al 24,9% di possesso divenendo il maggior azionista. Il 22 marzo il Cda ha ratificato le dimissioni di Patuano, trasferendo le sue deleghe, in attesa della nomina del nuovo AD, al presidente Giuseppe Recchi . [128]

Il 30 marzo 2016 Flavio Cattaneo venne nominato AD di Telecom Italia e il 21 luglio 2017 annunciò le proprie dimissioni ricevendo una liquidazione “monstre” di 25 milioni di euro [129] , sostituito dal manager israeliano Amos Genish . [130]

Al 28 luglio 2017 la governance della società era composta da:

Il 7 agosto 2017, la società francese Vivendi in una nota confermò di non esercitare alcun controllo di fatto su Telecom Italia “ai sensi dell’art. 93 del Testo Unico della Finanza e dell’art. 2359 del Codice Civile”. [131]

Il 6 marzo 2018 venne approvato dal consiglio di amministrazione e successivamente presentato da Amos Genish [132] il piano triennale strategico DigiTIM 2018-2020, incentrato su innovazione digitale e digitalizzazione di tutti i processi. [133]

La governance Elliott dal 2018

Nel mese di aprile 2018, Cassa depositi e prestiti ha acquistato azioni della società per il 4,262% del capitale ordinario [134] , con una visione di lungo respiro, non speculativa.

Un altro 8,847% è detenuto da Paul Singer attraverso il fondo Elliott che, nell’assemblea societaria del 4 maggio 2018 con l’approvazione del 49,84% dei voti, ha scalzato Vivendi dal vertice, la cui lista ha ottenuto il 47,18%, nonostante che col 23,943% del capitale sociale sia sempre il maggior azionista.

Con il nuovo consiglio d’amministrazione formato da 13 consiglieri su 15 indipendenti, compreso il presidente, Telecom Italia è diventata, come auspicato da Elliott, una società ad azionariato diffuso .

Il 7 maggio vennero eletti all’unanimità, con la sola loro astensione, Fulvio Conti presidente e confermato Amos Genish come amministratore delegato. Arnaud de Puyfontaine rimase nel cda come consigliere.

Il 13 novembre, in seguito alle diverse strategie sullo scorporo delle rete tra Vivendi contraria e il fondo Elliott favorevole, Amos Genish venne sfiduciato dal consiglio di amministrazione . [135] Il 18 novembre Luigi Gubitosi venne eletto nuovo amministratore delegato e direttore generale con i voti dei consiglieri nominati da Elliott.

Dal 2019: Telecom Italia SpA diventa TIM SpA

Nel 2019 Telecom Italia SpA viene rinominata in TIM SpA (nota come Gruppo TIM). [136]

Il 26 settembre 2019 si dimise con effetto immediato Fulvio Conti. Nel frattempo le funzioni di presidenza furono svolte dal consigliere Michele Valensise , in qualità di consigliere più anziano. [137] Un mese più tardi, in ottobre, fu nominato presidente, su proposta del fondo Elliott, l’ex direttore generale della Banca d’Italia , Salvatore Rossi . [138]

In data 31 ottobre 2019, venne stipulata la fusione per incorporazione di Noverca in Telecom Italia. [139]

Consiglio di amministrazione

Dal 4 maggio 2018 il nuovo consiglio di amministrazione di 15 componenti in carica per 3 esercizi, è composto da 10 amministratori, tutti indipendenti, nominati dalla lista presentata dai soci Elliott lnternational LP, Elliott Associates LP e The Liverpool Limited Partnership, che ha ottenuto più voti: [140]

5 amministratori nominati dalla lista di Vivendi:

Azionariato

La struttura azionaria, al 31 marzo 2021, risultava così composta [141] :

Cronologia dei vertici aziendali

Controversie

Scandalo Telecom Italia-SISMI

Telecom Italia è stata coinvolta, insieme al Servizio per le informazioni e la sicurezza militare (SISMI), nello scandalo delle intercettazioni abusive legato a varie vicende del 2005-2006, tra cui il caso Abu Omar [143] e lo spionaggio di Alessandra Mussolini prima delle elezioni regionali nel Lazio , nel 2005. [144] Si tratta dello Scandalo Telecom-Sismi .

Secondo la procura di Milano, gli intercettati erano giudici, giornalisti, politici e uomini di altri servizi (l’indagine peraltro è correlata al suicidio, avvenuto nel 2006, di Adamo Bove, manager di Telecom Italia, avente incarichi nel campo della sicurezza). [145]

L’inchiesta e le indagini

Il 20 settembre 2006 Giuliano Tavaroli , l’ex capo della Sicurezza di Pirelli e Telecom Italia, venne arrestato insieme ad altre 20 persone. [146] L’accusa era quella di spionaggio e corruzione. Lo scandalo partì da un’inchiesta compiuta dai giornalisti del quotidiano La Repubblica Giuseppe D’Avanzo e Carlo Bonini . [147][148][149] Tra gli intercettati risulterebbe anche Romano Prodi . [150]

Il 13 dicembre 2006 Marco Mancini (ex numero due del Sismi) è stato inoltre arrestato nell’ambito dell’inchiesta sulle intercettazioni illegali di Telecom Italia, [151] insieme a Giuliano Tavaroli (già in carcere) ed Emanuele Cipriani, investigatore privato fiorentino. [152] L’accusa per tutti era quella di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e alla rivelazione del segreto d’ufficio.

Nel maggio 2007 Telecom Italia vinse il premio Big Brother Award come “peggiore azienda privata”, per quanto successo in fatto di riservatezza dei dati. [153]

Il 14 luglio 2008 la Procura della Repubblica di Milano depositò le 350 pagine dell’avviso di chiusura delle indagini, [154][155][156] dopo aver convocati in Procura, come ultimo atto investigativo, i vertici di Telecom Italia di allora, Marco Tronchetti Provera (ex presidente) e Carlo Buora (ex amministratore delegato), in quanto persone informate sui fatti. [157][158] Per non aver vigilato sulla propria security e sui metodi usati per avere le informazioni, il gruppo Telecom Italia (unitamente al gruppo Pirelli) risultava indagato in base alla legge 231 sulla responsabilità amministrativa delle società, pur non essendo stati mossi addebiti contro l’ex presidente e l’ex amministratore delegato di Telecom Italia. Una lunga serie di reati sono stati invece contestati a 34 persone, accusate a vario titolo di aver messo in piedi una vera e propria associazione a delinquere al cui vertice c’era l’ex capo della security , Giuliano Tavaroli. [159] Nelle interviste rilasciate nei giorni successivi alla chiusura delle indagini, Tavaroli si difese dando la propria versione dei fatti e scaricando le responsabilità sui suoi superiori, che gli avrebbero commissionate le indagini poi risultate illecite. [160][161]

Le udienze

Durante le udienze preliminari (la prima delle quali fissata per il 31 marzo 2009), [162] l’allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi appose il segreto di Stato sulle indagini sui dossier illegali del caso. [163]

Nel febbraio 2010 Telecom Italia e Pirelli chiesero di patteggiare l’accusa di corruzione, presentando così un’istanza di circa 7 milioni e mezzo di euro. Ciononostante, le due imprese si rappresentarono come danneggiate dai comportamenti di Tavaroli e Cipriani e restarono quindi nell’udienza preliminare solo come parti civili per l’ipotesi che costoro si fossero indebitamente appropriati di fondi delle società, e come responsabili civili rispetto ad altri reati contestati agli indagati. [164][165]

In seguito l’investigatore Emanuele Cipriani dichiarò spontaneamente di aver agito per conto del presidente di Telecom Italia Marco Tronchetti Provera , preparando per lui dei dossier contenenti informazioni che potessero aiutarlo nella gestione degli affari. [166] Nel frattempo però Marco Tronchetti Provera smentì di essere stato a conoscenza di eventuali attività illecite condotte dalla security dell’azienda o della schedatura di massa dei lavoratori. [167][168]

A marzo [169][170][171] venne sentito Fabio Ghioni, il quale dirigeva una struttura pensata per proteggere la rete Telecom ma che di fatto eseguiva attività di hackeraggio, il cosiddetto Tiger Team. Egli ha affermato che Tronchetti Provera era a conoscenza di questi attacchi informatici. [172] Successivamente Tronchetti Provera depose come testimone e ribadì di essere totalmente estraneo alle attività di dossieraggio illecite. [173]

Le sentenze

Tra i condannati del processo di primo grado, conclusosi il 13 febbraio 2013, vi sono 7 dei collaboratori di Giuliano Tavaroli (che ha ottenuto un patteggiamento di meno di 5 anni) con pene fino a sette anni e risarcimenti per oltre 22 milioni di euro. Inoltre ci sono state condanne per l’ex collaboratore del Sisde, Marco Bernardini (sette anni e mezzo), e per l’ex investigatore privato Emanuele Cipriani (cinque anni e mezzo). [174] La prima Corte d’Assise di Milano ha inoltre sancito che Telecom Italia, costituitasi parte civile dovrà essere risarcita di 10 milioni dagli imputati. [174]

Le spese per i braccialetti elettronici

Molti hanno sollevato critiche a causa di una commessa pubblica affidata a Telecom e relativa al monitoraggio di alcuni braccialetti elettronici (una misura adottata per il controllo dei detenuti ): in dieci anni (dal 2001 al 2011) lo Stato ha versato a Telecom 81 milioni di euro di abbonamento per la tracciatura di quei dispositivi. La Corte dei conti ha evidenziato l’anti-economicità della manovra, visto che in quel periodo solo 14 braccialetti sono stati utilizzati. Nel 2011 il ministro del governo Monti , Annamaria Cancellieri , ha rinnovato la commessa per ulteriori sette anni; [175] anche il prolungamento del contratto ha suscitato diverse perplessità, visto che il figlio del ministro Cancellieri, Piergiorgio Peluso, lavora proprio a Telecom come top manager . [176] Entrata a far parte dell’ esecutivo di Enrico Letta non più come ministro dell’Interno ma come Guardasigilli, la Cancellieri aveva più volte proposto l’uso del braccialetto elettronico come strumento di contrasto al fenomeno dilagante della violenza contro le donne , e in particolare per controllare e scoraggiare i cosiddetti stalker . [177]

Business unit

  • Business unit domestic: offre servizi di fonia e dati su rete fissa e mobile per clienti finali ( retail ) e altri operatori ( wholesale ).
    Olivetti SpA , è parte del segmento business di core domestic e opera nell’ambito dei prodotti e servizi per l’ Information Technology .
    Inwit SpA opera nel settore delle infrastrutture per le comunicazioni elettroniche, nello specifico in quelle dedicate all’ospitalità di apparati di trasmissione radio per le reti di telefonia mobile sia di TIM sia di altri operatori.
    In campo internazionale opera nell’ambito dello sviluppo di reti in fibre ottiche per clienti wholesale (in Europa, nel Mediterraneo e in Sud America).
  • Business unit Brasile: offre con TIM Celular SA servizi di telefonia mobile con tecnologia UMTS , GSM e LTE .
    Nella telefonia fissa, con TIM SA (ex Intelig Telecomunicações) oltre che con TIM Fiber RJ e TIM Fiber SP, viene offerta anche la trasmissione dati su fibra ottica in tecnologia full IP come DWDM e MPLS e servizi di banda larga residenziale.

Business unit domestic

  • Core domestic
    • Consumer
    • Business
    • Wholesale
    • Altri (Inwit SpA e strutture di supporto)
  • International wholesale – gruppo Telecom Italia Sparkle

Kena Mobile

Logo di Kena Mobile

Kena Mobile è un servizio di comunicazione mobile [178][179] offerto, a partire dal 1 novembre 2019 [139][180][181] , da Telecom Italia e operante sulla rete TIM ; in precedenza il servizio era erogato dall’ operatore virtuale di telefonia mobile italiano ( Full MVNO ) Noverca . [182]

Nell’agosto 2018 Kena Mobile registrò 500.000 linee mobili ea novembre dello stesso anno raggiunse un milione di linee mobili. [ l’articolo non indica la fonte ][183][184]

Principali partecipazioni

Ecco il riepilogo delle principali partecipazioni appartenenti alla business unit domestic con la sede sociale e la percentuale posseduta: [185]

In Italia:

Nella Repubblica di San Marino:

In Lussemburgo:

Business Unit Brasile

  • TIM Brasil Serviços e Participações (Rio de Janeiro) – 99,99% (tramite la controllata Telecom Italia Finance )
    • TIM Participações (Rio de Janeiro) – 66,58%
      • TIM Celular (San Paolo) – 100% (telefonia mobile)
      • TIM SA (San Paolo) – 99,99% (telefonia fissa)

Operazioni societarie

Acquisizioni

Il piano industriale portò Telecom Italia ad acquistare aziende che si occupavano di internet a banda larga e del campo dei media.

L’ex struttura societaria di Telecom Italia al marzo 2015 prima della fusione con Telecom Italia Media e della cessione di Telecom Argentina

Cessioni

Nell’ambito del piano di focalizzazione sul core business sono state cedute quasi tutte le partecipazioni in aziende manifatturiere (tranne l’Olivetti Tecnost, ribattezzata Olivetti SpA nel 2005), alcune aziende non strategiche e varie partecipate straniere.

Operazioni nei media

L’operazione, avviata già alcuni mesi prima, prevedeva che TI Media detenesse il 70% delle azioni di Persidera, mentre il gruppo editoriale L’Espresso il 30%. Attraverso questa unione, Persidera è diventata un operatore di rete a copertura nazionale titolare di cinque multiplex digitali. [211]

Liberalizzazione e proposte di riforma societaria

Una distinzione maggiore fra due generiche attività è introducibile con una separazione societaria e, maggiormente, con una separazione patrimoniale . Un regolamento dell’ autorità garante ha imposto la separazione contabile dell’attività di gestione di una rete da quella di fornitore di servizi d’accesso. [ senza fonte ]

Un problema simile per diverse infrastrutture

La situazione è analoga a quella esistente in altri settori strategici, nei quali la società proprietaria della rete risulta essere una società controllata del gruppo .Il proprietario della rete alloca la capacità disponibile fra i diversi operatori e tenderà a favorire, a discapito della concorrenza, il fornitore appartenente allo stesso gruppo [ senza fonte ] .

Monopolio naturale della proprietà e gestione concorrenziale

Nei tempi delle liberalizzazioni, si è visto come una gestione pluralistica e concorrenziale della rete, alla quale partecipino più operatori, porta vantaggi per gli utenti in termini di tariffe e di qualità. Più difficile è sostenere un argomento simile riguardo alla proprietà delle reti.

Le reti hanno forti costi di costruzione, che rendono difficilmente replicabile una seconda rete altrettanto estesa e capillare di telecomunicazioni (oppure di distribuzione del gas o corrente elettrica): quindi è improbabile avere due o più proprietari di grandi reti.

Suddividere la rete esistente in sottoreti geografiche e frazionarne la proprietà, significherebbe perdere l’interoperabilità, accessibilità e scalabilità che sono fra le caratteristiche principali richieste a una rete. Per questo raramente viene posto in discussione che il proprietario, il centro decisionale competente sull’intera rete, debba essere uno solo, per evitare ridondanze o incompatibilità nella gestione fra un’area geografica e l’altra. Il dibattito verte principalmente su come debba essere ripartito il capitale del soggetto proprietario della rete.

In questo senso, più volte l’ AGCOM ha ribadito che la rete su doppino non è replicabile; ea proposito di telecomunicazioni e altre infrastrutture, la rete è equiparata ai monopoli naturali . Nel primo caso una questione economica crea un “monopolio naturale”, mentre nel secondo caso si fa riferimento a un’impossibilità di duplicazione fisica per la natura e tecnica per l’uomo. [212]

Separazione fra proprietà e gestione

La competizione globale spinge ad aprire il mercato anche a operatori stranieri, perché anche le imprese italiane non incontrino difficoltà di accesso nei corrispondenti mercati stranieri.

D’altra parte, l’importanza strategica delle infrastrutture solleva la questione della loro “italianità”, di un loro controllo in capo a soggetti pubblici o privati, comunque italiani. Una separazione fra proprietà e gestione può conciliare queste due esigenze, attraverso una proprietà “italiana” e una gestione aperta anche a operatori esteri.

Il modello delle telecomunicazioni britannico

Una vera concorrenza al settore delle telecomunicazioni arriverebbe sul modello britannico da una società proprietaria della rete, con separazione patrimoniale e vincoli al possesso di azioni anche con società collegate o controllate rispetto alla Telecom Italia, che resterebbe un operatore di rete come la Wind , la Tele2 e altri.

Nel modello inglese la società proprietaria della rete è una società ad azionariato diffuso .

La partecipazione pubblica come nei Paesi UE

In Italia si propone come ulteriore garanzia una significativa partecipazione pubblica (20-30%) al capitale della società, tale da averne il controllo con maggioranza relativa, ma da renderla difficilmente scalabile per via del forte indebitamento e del restante 70% ad azionariato diffuso che andrebbe “rastrellato” in borsa. A seconda della volontà politica, una partecipazione pubblica alta può opporsi infatti in linea di principio a tentativi di scalata, ma può anche agevolare per tempo con legislazioni favorevoli un processo di privatizzazione. Una garanzia più robusta unisce la presenza pubblica a quella di un prevalente azionariato diffuso.

Servizio universale e ripartizione dei costi

Il proprietario della rete, nel modello inglese e in altri Stati, è soggetto alla legge del servizio universale , che lo obbliga a manutenere e ammodernare l’intera estensione geografica della rete. La legge impone degli investimenti che in sé non sono remunerativi, e dovrebbero garantire un servizio minimo essenziale di telefonia a tutta la popolazione.

In Italia, i costi del servizio universale sono per legge interamente a carico dell’operatore di telefonia con la maggiore quota di mercato . Lo Stato italiano corrisponde annualmente gli oneri all’operatore per garantire i servizi previsti dalla legge. L’ammontare di questi trasferimenti dallo Stato alle aziende private può essere molto superiore agli oneri effettivamente sostenuti, e talora è oggetto di accuse rispetto al diritto antitrust , qualificando i trasferimenti come “aiuti di Stato”.

In altri Paesi i costi fissi vengono ripartiti fra i vari operatori in misura proporzionale alla quota di mercato . La quota è calcolata a partire dal fatturato che è un dato certo e univoco del bilancio . La manutenzione e l’ammodernamento costituiscono un forte indebitamento che rende poco contendibile la società e poco appetibili i tentativi di scalata.

Nel 2005 (ultimi dati disponibili) Telecom Italia ha riferito di aver sostenuto i seguenti oneri, per lo svolgimento del servizio universale:

  • Fonia vocale: 33,5 milioni di euro
  • Telefonia pubblica: 14,7 milioni di euro
  • Categorie agevolate: 10,1 milioni di euro

Per un totale di 58,4 milioni di euro: lo Stato, attraverso il Fondo finanziamento del costo netto degli obblighi del servizio universale (cui contribuiscono tutti gli operatori che usufruiscono delle reti pubbliche di telecomunicazioni), ha rimborsato a Telecom Italia 25,58 milioni di euro.

Dati economico-finanziari

2007-2009

Nel 2007 Telecom Italia SpA ha chiuso l’esercizio con un ricavo di 31,013 miliardi di euro, un EBIT di 5,955 miliardi, un profitto di 2,455 miliardi. L’ indebitamento finanziario netto ammonta a 35,701 miliardi, il patrimonio netto a 26,985 miliardi, la capitalizzazione in borsa è di 39,345 miliardi di euro. La Telecom ha impiegato mediamente 79 628 dipendenti. Detiene partecipazioni per 11,19 miliardi di euro. [213]

Nell’esercizio 2008, ha ottenuto 30 158 milioni di euro di ricavi, un EBIT di 5 463 milioni di euro, un utile netto di 2 215 milioni di euro. L’indebitamento finanziario netto ammonta a 20 039 milioni di euro, il patrimonio netto a 26 856 milioni di euro, la capitalizzazione in borsa è di 34 049 milioni di euro. [214]

Nel corso dell’esercizio relativo all’anno 2009, il Gruppo ha generato un ricavo pari a 27 163 milioni di euro, un EBITDA di 11 115 milioni di euro, un utile netto di 1 581 milioni di euro e ha effettuato investimenti industriali per 4 543 milioni di euro. L’indebitamento finanziario netto ammonta a 34 747 milioni di euro. Il personale del Gruppo, al 31 dicembre 2009, è pari a 71 384 unità di cui 60 872 in Italia. Alla stessa data, il numero di accessi retail alla rete fissa in Italia è di circa 16,1 milioni, gli accessi broadband retail in Italia ammontano a 7 milioni, le linee TIM a 30,8 milioni ei clienti della TIM brasiliana 41,1 milioni. La7 ha uno share medio giornaliero del 3,0% mentre i visitatori unici di Virgilio si attestano a circa 3,2 milioni al giorno. [215]

2010-2012

Inserzione della campagna Il telefono. La tua voce , 1977-1982.

Il gruppo Telecom Italia nel 2010 ha ottenuto 27 571 milioni di euro di ricavi, un EBITDA di 11 412 milioni di euro, un utile netto di 3 121 milioni di euro e ha effettuato investimenti industriali per 4 583 milioni di euro. L’indebitamento finanziario netto ammonta a 32 087 milioni di euro. Il personale del Gruppo, al 31 dicembre 2010, è pari a 84 200 unità di cui 58 045 in Italia. Alla stessa data, il numero di accessi retail alla rete fissa in Italia è di circa 15,4 milioni, gli accessi broadband retail in Italia ammontano a 7,2 milioni, le linee TIM a 31 milioni, i clienti della TIM brasiliana a 51 milioni e le linee mobili in Paraguay a 1,9, mentre in Argentina le linee fisse sono 4,1 milioni, 1,4 milioni gli accessi broadband , 16,3 milioni i clienti mobili. La7 ha una share media giornaliera del 3,1% ei visitatori unici di Virgilio sono in media 3,7 milioni al giorno. [216]

Nel 2011 il Gruppo ha ottenuto 29 957 milioni di euro di ricavi, un EBITDA di 12 246 milioni di euro, un utile netto negativo di 4 726 milioni di euro (causa impatto negativo della svalutazione dell’avviamento) e ha effettuato investimenti industriali per 6 095 milioni di euro. L’indebitamento finanziario netto ammonta a 30 414 milioni di euro. Il personale del Gruppo, al 31 dicembre 2011, è pari a 84 124 unità di cui 56 878 in Italia. Alla stessa data, il numero di accessi retail alla rete fissa in Italia è di circa 14,7 milioni, gli accessi broadband retail in Italia ammontano a 7,1 milioni, le linee TIM a circa 32,2 milioni, quelle della TIM brasiliana a 64,1 milioni e le linee mobili in Paraguay a 2,1, mentre in Argentina le linee fisse sono 4,1 milioni, 1,5 milioni gli accessi broadband , 18,2 milioni i clienti mobili. [217]

Nel 2012 Telecom Italia ha chiuso l’esercizio con investimenti pari a 5,19 miliardi, 23,01 miliardi di patrimonio netto [218] e realizzato ricavi per 29,50 miliardi, di cui: 17,88 miliardi da BU Domestic; 7,47 miliardi da BU Argentina; 3,78 miliardi da BU Brasile; 0,56 miliardi da Media, Olivetti e altro. A tali dati sono da sottrarre 206 milioni di elisioni. EBITDA di 11,64 miliardi, Ebit di 1,92 miliardi, perdite per 1,27 miliardi. I risultati sono in contrazione rispetto all’esercizio precedente per via della crisi economica italiana (BU Domestic) e della riduzione dei corrispettivi per la terminazione su rete mobile, decisa dall’AGCOM. La perdita è altresì imputabile a una svalutazione dell’avviamento pari a 4,43 miliardi.

2013-2018

Nel 2013, il gruppo Telecom Italia ha effettuato investimenti per 4,4 miliardi, 26,8 miliardi di investimento finanziario netto e ha ottenuto 23,4 miliardi di euro di ricavi, di cui: 16,17 miliardi dalla BU Domestic; 6,94 miliardi dalla BU Brasile; 0,39 miliardi da Media, Olivetti e altre attività. I ricavi sono in riduzione a causa delle contrazioni delle attività domestiche e brasiliane. A causa di svalutazioni dell’avviamento dovute a deterioramento del contesto macroeconomico, delle decisioni dell’AGCOM riguardo ai prezzi di accesso wholesale alle rete in rame, performance commerciali, indicatori finanziari e aspettative della business unit domestic , riporta 9,54 miliardi di EBITDA, 2,71 miliardi di Ebit e perdita di 674 milioni. Il valore residuo di impianti, immobili e macchinari ammonta a 12,29 miliardi, 6,28 miliardi il valore residuo delle “conoscenze” intese come concessioni, brevetti, licenze, diritti di brevetto industriale e di utilizzazione di opere d’ingegno, 20,18 miliardi di patrimonio netto. [219]

Il Gruppo nel 2014 ha effettuato 4,94 miliardi di investimenti ottenendo 8,79 miliardi di EBITDA, 4,53 miliardi di Ebit, un utile netto consolidato di 1,35 miliardi di euro e un ricavo 21,57 miliardi di euro, di cui: 15,30 miliardi dalla BU Domestic; 6,24 miliardi dalla BU Brasile; 0,71 miliardi da Media e altre attività. A partire dal 2014, la business unit domestic accoglie, oltre a Core Domestic e International Wholesale, anche il gruppo Olivetti; il periodo posto a confronto è stato di conseguenza modificato. [220]

Nel 2015, Telecom Italia SpA termina l’esercizio [221] con un EBITDA pari a 5,266 miliardi di euro, un debito finanziario di 25,9 miliardi di euro e ricavi dai servizi domestici attestati a 14,058 miliardi di euro, dei quali: 10,372 miliardi derivanti dal mercato della rete fissa e 4,517 miliardi da quello mobile.

Nell’esercizio 2018 il gruppo TIM-Telecom Italia ha riportato un fatturato pari a 18 940 miliardi e generato perdite per € 1 152 miliardi. L’EBITDA è stato pari a € 7 403 miliardi. [222]

Identità aziendale

Il logo Telecom Italia venne presentato nel 1994, ma è da considerare il frutto di un’evoluzione storica e dei cambiamenti dell’azienda. L’origine del simbolo è infatti da rintracciare nei loghi delle società SIP e STET, che hanno portato alla nascita di Telecom Italia. Rispetto allo storico marchio SIP, presentato nel 1983, le variazioni riguardano prevalentemente il lettering e il colore. Le quattro “ondine” rosse, scese a tre nel 2003, intendono richiamare i cavi telefonici attraverso cui avviene la comunicazione [223] . Il nuovo logo, in uso dal 2016, si ispira al trigramma Gèn (montagna, riflessione) del libro dei Mutamenti .

Ernesto Pascale, Guido Pugliesi e Biagio Agnes presentano alla stampa il logo aziendale

Azioni

Valore

Le azioni della società con “codice ISIN IT0003497168″ sono quotate dal 4 agosto 2003 presso Borsa Italiana quando avvenne la fusione tra Olivetti che incorporò Telecom Italia per assumere contestualmente la sua denominazione sociale [ Dati discrepanti con fonte citata ] . [224]

Dividendi

  • 18 giugno 2018. Azioni ordinarie: 0 euro per azione; azioni risparmio: 0,0275 euro per azione.
  • 19 giugno 2017. Azioni ordinarie: 0 euro per azione; azioni risparmio: 0,0275 euro per azione.
  • 20 giugno 2016. Azioni ordinarie: 0 euro per azione; azioni risparmio: 0,0275 euro per azione.
  • 22 giugno 2015. Azioni ordinarie: 0 euro per azione; azioni risparmio: 0,0275 euro per azione.
  • 22 aprile 2014. Azioni ordinarie: 0 euro per azione; azioni risparmio: 0,0275 euro per azione.
  • 25 aprile 2013. Azioni ordinarie: 0,02 euro per azione; azioni risparmio: 0,031 euro per azione.
  • 21 maggio 2012. Azioni ordinarie: 0,043 euro per azione; azioni risparmio: 0,054 euro per azione.
  • 18 aprile 2011. Azioni ordinarie: 0,058 euro per azione; azioni risparmio: 0,069 euro per azione.
  • 24 maggio 2010. Azioni ordinarie: 0,05 euro per azione; azioni risparmio: 0,061 euro per azione.
  • 20 aprile 2009. Azioni ordinarie: 0,05 euro per azione; azioni risparmio: 0,061 euro per azione.

Capitale sociale

Il capitale sociale della Telecom Italia SpA è composto da 19 497 076 112 azioni: 13 470 955 451 azioni ordinarie (con diritto di voto) e 6 026 120 661 azioni di risparmio (senza diritto di voto). Il valore fissato per le azioni è di 0,55 euro. [225]

Onorificenze

Fondazione TIM

La Fondazione TIM , in precedenza Fondazione Telecom Italia sino al gennaio 2016, è stata costituita il 24 dicembre 2008 ed è attiva nel settore dell’inclusione sociale, ha finanziato nel 2011 la riapertura della biblioteca provinciale “Salvatore Tommasi” de L’Aquila [228] e vari progetti destinati ai giovani in situazioni di disagio.

Archivio storico

L’Archivio storico Telecom Italia inaugurato a Torino nel 1998, che dispone di 18 km lineari di immagini storiche [229][230] , è fra i maggiori archivi d’impresa sul territorio italiano e in Europa. Il fondo Telecom Italia SpA ( estremi cronologici : fine XIX secolo -2000) [231] costituisce una straordinaria fonte di documentazione storica e tecnica per le ricerche sulle reti elettrica e telefonica perché raccoglie non soltanto il fondo documentario del principale operatore telefonico italiano, ma anche gli archivi di alcune società elettriche del Nord-Ovest operanti dalla fine dell’Ottocento ai primi anni Trenta del Novecento . Sono inoltre conservati più di 1800 oggetti, apparecchi e attrezzature, dalle centrali di sistema ai selettori, dai contatori alle cassette duplex, dai relè ai tavoli di prova, dai telefoni ad uso pubblico e privato agli attrezzi di lavoro, oltre a un ricco patrimonio librario di volumi tecnici specializzati. Nel 1992 è stato riconosciuto di notevole interesse storico dalla Soprintendenza per i beni archivistici del Piemonte del Ministero per i beni e le attività culturali.

Note

  1. ^ abc Relazione finanziaria annuale 2019 ( PDF ), su telecomitalia.com .
  2. ^ Titoli Telecom Italia , su Telecom Italia . URL consultato il 19 settembre 2019 (archiviato dall’ url originale il 1º luglio 2019) .
  3. ^ Ordinanza ingiunzione nei confronti di Telecom Italia SpA , su garanteprivacy.it , 16 maggio 2018. URL consultato il 28 luglio 2018 .
  4. ^ TIM, il futuro firmato Telecom Italia , su telecomitalia.com , 15 gennaio 2016. URL consultato il 14 maggio 2017 (archiviato dall’ url originale il 3 maggio 2017) .
  5. ^ Note legali , su telecomitalia.com , 27 luglio 2017. URL consultato il 1º agosto 2018 .
  6. ^ Si consulti il registro delle imprese sul sito ufficiale , su registroimprese.it . URL consultato il 18 gennaio 2021 . .
  7. ^ Telecom cambia pelle: Tim marchio unico , in la Repubblica , 13 febbraio 2015. URL consultato il 6 agosto .
  8. ^ Simone Freddi, TIM compie 20 anni e diventa il “brand unico” del gruppo Telecom Italia , su engage.it , 14 luglio 2015. URL consultato il 9 agosto 2018 .
  9. ^ ( EN ) Global 500 , su fortune.com . URL consultato il 28 aprile 2015 .
  10. ^ Consip aggiudica la gara SPC: con il nuovo Sistema Pubblico di Connettività la PA risparmia 2 miliardi di euro in 7 anni , su consip.it , 28 aprile 2015. URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 21 giugno 2015) .
  11. ^ Contratti SPC e S-Ripa: istruzioni per l’uso , su consip.it , 23 giugno 2015. URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 22 ottobre 2016) .
  12. ^ Consip e AgID: sottoscritti i contratti per la connettività e aggiudicati i primi due lotti della gara per i servizi cloud , su bitmat.it , 25 maggio 2016. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  13. ^ Aldo Fontanarosa, Telecom va in pensione, Tim sarà il marchio unico dell’ex monopolista , in la Repubblica , 13 gennaio 2016. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  14. ^ Gildo Campesato, Telecom diventa Tim: ma il nome non è tutto , in CorCom – Corriere delle Comunicazioni , 11 gennaio 2016. URL consultato il 1º agosto 2018 .
  15. ^ TIM, un nuovo marchio per l’azienda protagonista del futuro digitale del Paese , su telecomitalia.com , 13 gennaio 2016. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  16. ^ Chiara Ottaviano, SIP-Telecom Italia. Storia ( PDF ), Storiaindustria.it, giugno 2008, p. 4. URL consultato il 17 settembre 2013 .
  17. ^ Telespazio: cronologia principali avvenimenti , su telespazio.it , Telespazio . URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 30 agosto 2013) .
  18. ^ Marchio della società Italcable in uso negli anni ’70 , su archiviostorico.gruppotim.it . URL consultato il 6 agosto 2018 .
  19. ^ Scuola Superiore Reiss Romoli , su archiviostorico.gruppotim.it , Archivio Storico Telecom Italia. URL consultato il 21 novembre 2018 .
  20. ^ Giuseppe Cocito et al. , COS 2 experiment in Turin: Field test on an optical cable in ducts , IEEE Transactions on Communications, 1978, 26.7: 1028-1036.
  21. ^ Renato Abeille, Storie delle telecomunicazioni italiane e della Sip (1964-1994) , 1ª ed., Milano, FrancoAngeli, 1999, ISBN 978-88-464-1524-0 . URL consultato il 6 agosto 2018 . Ospitato su Google Libri .
  22. ^ Edoardo Borriello, “Via d’uscita” di Mammì per le telecomunicazioni , in la Repubblica , 27 marzo 1990. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  23. ^ Sergio De Nardis (a cura di), Le privatizzazioni italiane. Ricerca del Centro studi Confindustria ( abstract ), Bologna, il Mulino, 2000, ISBN 978-88-15-07360-0 . URL consultato l’8 agosto 2018 . Ospitato su confindustria.it.
  24. ^ Vittorio Puledda, STET e Sip sull’acceleratore il riassetto piace agli stranieri , in la Repubblica , 27 marzo 1994. URL consultato l’8 settembre 2013 .
  25. ^ E. Bonetti, (Ed.), Casi di marketing , (Vol. 8), FrancoAngeli, 2012.
  26. ^ ab Maurizio Matteo Dècina, La Banda Larga Castelvecchi 2015 .
  27. ^ Pino Bruno, Telecom: Socrate e FIDO DECT, denaro pubblico sprecato , in Tom’s Hardware Italia , 31 luglio 2012. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  28. ^ Meletti Giorgio, Telecom, l’addio al piano Socrate , in Corriere della Sera , 18 gennaio 1998, p. 19. URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 3 agosto 2012) .
  29. ^ “Goodbye Telecom”, storia del Risiko italiano , in CorCom – Corriere delle Comunicazioni , 12 novembre 2013. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  30. ^ Palazzo Mezzanotte: palazzo della Borsa. Informazioni generali , su turismo.milano.it . URL consultato il 6 agosto 2018 .
    «[…] Inaugurato nel 1932 il palazzo della Borsa ha perso la sua originaria funzione di luogo delle contrattazioni con l’avvento dei sistemi telematici negli anni 1990 . Dal 1998 è sede di Borsa Italiana Spa, società che gestisce il mercato italiano […]» .
  31. ^ Borsa Italiana SpA , su bankpedia.org . URL consultato il 6 agosto 2018 .
    «La Borsa italiana spa, conosciuta internazionalmente come Borsa di Milano, è la principale società di gestione dei mercati […] presente nel sistema italiano dei mercati regolamentati. […] È operativa dal 2.1.1998 e gestisce quattro gruppi di mercati […]» .
  32. ^ Nicola Saldutti, Offerta Telecom, ecco il prezzo , in Corriere della Sera , 25 ottobre 1997, p. 24. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 1º giugno 2012) .
  33. ^ Gianfranco Modolo, Le banche e Agnelli nel nocciolo Telecom , in la Repubblica , 23 settembre 1997. URL consultato il 16 settembre 2013 .
  34. ^ La replica di Bernabè: è solo un’OPA di carta , in Corriere della Sera , 30 marzo 1999, p. 23. URL consultato il 16 settembre 2013 (archiviato dall’ url originale il 2 febbraio 2014) .
  35. ^ Rinaldo Gianola, Telecom sulle barricate contro l’Opa di Olivetti , in la Repubblica , 22 febbraio 1999. URL consultato il 16 settembre 2013 .
  36. ^ Il Financial Times attacca. Una rapina in pieno giorno , in la Repubblica , 30 settembre 1999. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  37. ^ D’Alema: “Telecom, pronti a usare la golden share” , in la Repubblica , 1º ottobre 1999. URL consultato il 16 settembre 2013 .
  38. ^ Cronologia Olivetti 1978-2009 , su storiaolivetti.it . URL consultato il 16 settembre 2013 (archiviato dall’ url originale il 27 settembre 2013) .
  39. ^ Pirelli e Benetton nuovi padroni di Telecom , in la Repubblica , 28 luglio 2001. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  40. ^ Virginio Cantoni, Gabriele Falciasecca e Giuseppe Pelosi, eds., Storia delle telecomunicazioni , Vol. 1, Firenze university press, 2011.
  41. ^ Giuseppe Turani, Corsa a ostacoli per Tronchetti , in la Repubblica , 6 agosto 2018. URL consultato il 17 settembre 2013 .
  42. ^ ab Senatore Massimo Mucchetti, Lettera a La Republica , in la Repubblica , 24 settembre 2013. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  43. ^ abc Senatori Luigi Zanda e Marco Filippi, Interrogazione parlamentare 3-02555 , su banchedati.camera.it , 21 dicembre 2011.
  44. ^ Massimo Mucchetti, I premi segreti di Colaninno e Gnutti , in Corriere della Sera , 3 febbraio 2004, p. 26. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 21 agosto 2014) .
  45. ^ ab Marigia Mangano, Telecom, Bell chiude col Fisco versando assegno da 156 milioni , in Il Sole 24 Ore , 21 gennaio 2008. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  46. ^ Walter Galbiati, È fusione Olivetti-Telecom, Tronchetti: un passo storico , in la Repubblica , 25 maggio 2003. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  47. ^ Vito Gamberale, Lectio Magistralis: Le Telecomunicazioni italiane da un passato glorioso ad un futuro incerto , su slideshare.net , Università di Tor Vergata, 28 ottobre 2013. URL consultato l’8 agosto 2018 . Ospitato su slideshare.net.
  48. ^ Telecom Italia. Relazione primo semestre 2006. Processo di integrazione delle attività di telecomunicazioni fisse e mobili [ collegamento interrotto ] , su telecomitalia.com . URL consultato l’8 agosto 2018 .
  49. ^ Relazione del cda Telecom ( PDF ), su telecomitalia.com , 2005, p. 5. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  50. ^ Operazioni societarie: dicembre 2005 , su telecomitaliamedia.it , Telecom Italia Media, 12 aprile 2010. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 30 gennaio 2013) .
  51. ^ Bilancio 2005 ( PDF ), su telecomitalia.com , Telecom Italia SpA, p. 14. URL consultato il 30 settembre 2013 .
  52. ^ Relazione gruppo Telecom Italia primo trimestre 2006 ( PDF ), su telecomitalia.com , Telecom Italia, p. 8. URL consultato il 30 settembre 2013 .
  53. ^ Vito Gamberale, Lectio Magistralis:Le Telecomunicazioni italiane da un passato glorioso ad un futuro incerto , su slideshare.net , Università di Tor Vergata, 28 ottobre 2013. URL consultato l’8 agosto 2018 . Ospitato su slideshare.net.
  54. ^ Walter Galbiati, Pirelli si ricompra gli immobili con le centrali Telecom dentro , in la Repubblica , 24 maggio 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  55. ^ ( EN ) Marco Tronchetti Provera, Documenti societari Telecom Italia Group ( PDF ), su borsaitaliana.it , Borsa Italiana, 11 settembre 2006. URL consultato il 18 novembre 2013 .
  56. ^ Focus su business media in Italia e Europa , in Corriere della Sera , 11 settembre 2006. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  57. ^ Antonella Olivieri, Telecom: scorporo rete o cessione di Tim Brasile , in Il Sole 24 Ore , 26 novembre 2008. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  58. ^ La7, Mediaset costretta a rinunciare e spunta il nome di Murdoch [ collegamento interrotto ] , in Libero , 18 settembre 2012. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  59. ^ Telecom Italia-Sky: accordo per trasmettere tutti i canali di Sky su Alice Home Tv , su telecomitalia.com , 4 ottobre 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  60. ^ Federico De Rosa, Rossi alla Consob: debito sostenibile «Tim e rete? Non sono in vendita» , in Corriere della Sera , 26 settembre 2006, p. 2. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 23 novembre 2015) .
  61. ^ Tronchetti lascia, Rossi presidente , in Corriere della Sera , 16 settembre 2006, p. 1. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 21 agosto 2014) .
  62. ^ Olimpia sigla patto di sindacato con Mediobanca e Generali , su soldionline.it , 18 ottobre 2006. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 21 agosto 2014) .
  63. ^ Telecom: Generali al 4,06% (Consob) , in Il Sole 24 Ore , 23 febbraio 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 15 luglio 2015) .
  64. ^ ( EN ) Significant event ( PDF ), su telefonica.com , 12 febbraio 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 27 giugno 2012) .
  65. ^ Telecom Italia: approvato dal CDA il nuovo assetto organizzativo del gruppo , su key4biz.it , 16 febbraio 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 27 settembre 2013) .
  66. ^ Alberto Annicchiarico, Rossi: «Piano Telecom, contatti avviati con i concorrenti francesi e tedeschi» , in Il Sole 24 Ore , 9 marzo 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  67. ^ Shareaction! Riprendiamoci Telecom , su beppegrillo.it . URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 14 ottobre 2006) .
  68. ^ Filmato audio Beppe Grillo, Beppe Grillo interviene all’Assemblea Telecom, 16 aprile 2007 , su YouTube , 16 aprile 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  69. ^ Telecom, Rossi si dimette , in la Repubblica , 7 aprile 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  70. ^ Federico Rampini , Rossi: “La mia verità su Telecom Tronchetti mi ha eliminato” , in la Repubblica , 6 aprile 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  71. ^ Massimo Mucchetti, Pistorio, il traghettatore di Telecom Italia , in Corriere della Sera , 18 giugno 2007, p. 7. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 2 novembre 2015) .
  72. ^ Telecom, finalizzata cessione Olimpia , in Corriere della Sera , 25 ottobre 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  73. ^ L’idea di avoicomunicare , su avoicomunicare.it . URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 3 novembre 2012) .
  74. ^ Approfondimenti. Servizi di Telecom Italia nei comuni colpiti dal terremoto , su protezionecivile.gov.it , 8 ottobre 2009. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 27 settembre 2013) .
  75. ^ Daniele Lepido, Sisma, Telecom azzera il canone , in Il Sole 24 Ore , 14 agosto 2012. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  76. ^ Telecom, Tronchetti si è dimesso Guido Rossi nominato presidente , in la Repubblica , 15 settembre 2006. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  77. ^ Antonella Olivieri, Telecom, Guido Rossi si dimette da tutte le cariche «con effetto immediato» , in Il Sole 24 Ore , 7 aprile 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  78. ^ Pistorio neopresidente: «Pronti a proseguire» , in Corriere della Sera , 17 aprile 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  79. ^ Antonella Olivieri, Telecom, l’addio dei vertici , in Il Sole 24 Ore , 29 novembre 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  80. ^ Telecom, Galateri alla presidenza e Bernabè amministratore delegato , in La Stampa , 26 novembre 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  81. ^ Telecom Italia: comunicato stampa 14 aprile , su telecomitalia.com , 14 aprile 2008. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 27 settembre 2013) .
  82. ^ Gabriele Galateri e Franco Bernabè confermati Presidente ed Amministratore Delegato , su telecomitalia.com , 15 aprile 2008. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 27 settembre 2013) .
  83. ^ Riunito il nuovo consiglio di amministrazione di Telecom Italia , su telecomitalia.com , 13 aprile 2011. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  84. ^ ( PT ) Relações com Investidores – Administração , su TIM Celular Brasil . URL consultato l’8 agosto 2018 .
  85. ^ Antonella Olivieri, Riassetto al vertice di Telecom: si dimette il dg per l’America Latina , in Il Sole 24 Ore , 7 febbraio 2013. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  86. ^ ( EN ) Curriculum – Franco Bertone. Position: Telecom Italia Headquarter for Southamerica ( PDF ), su telecomitalia.com , settembre 2013. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  87. ^ Telecom Argentina – Management , su institucional.telecom.com.ar . URL consultato l’8 agosto 2018 .
  88. ^ Telecom Italia lancia «Open Access»: gestirà la rete telefonica e quella dati , in Corriere della Sera , 13 febbraio 2008. URL consultato il 29 settembre 2013 .
  89. ^ Telecom Italia vara Open Access. È la svolta? , su punto-informatico.it , 14 febbraio 2008. URL consultato il 29 settembre 2013 .
  90. ^ Joaquìn Navarro-Valls presidente della Fondazione Telecom Italia , su puntocellulare.it , 30 gennaio 2009. URL consultato il 29 settembre 2013 .
  91. ^ Telecom, le dimissioni di Bernabé costano 6,6 milioni. Deleghe affidate a Patuano , in Il Sole 24 Ore , 3 ottobre 2013. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  92. ^ Telecom Italia: Giuseppe Recchi nominato Presidente, il nuovo CDA in carica per i prossimi tre anni sarà composto da 13 membri , su telecomitalia.com , 16 aprile 2014. URL consultato il 12 maggio 2014 .
  93. ^ Conferite le deleghe al presidente e all’AD. Marco Patuano nominato Amministratore Delegato. Costituiti i Comitati Interni , su telecomitalia.com , 18 aprile 2014. URL consultato il 12 maggio 2014 .
  94. ^ Telecom Italia. Anche Mediobanca e Intesa Sanpaolo confermano l’uscita da Telco , su key4biz.it , 16 giugno 2014. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 26 luglio 2014) .
  95. ^ Antonella Olivieri, «Telecom è già public company» , in Il Sole 24 Ore , 2 luglio 2014. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  96. ^ ANSA , Recchi, presidente di Telecom Italia: “Siamo già una public company, nessun socio influenza la gestione” , in Prima Comunicazione , 2 luglio 2014. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  97. ^ Telecom entra nel ‘seed investment’ a sostegno delle startup , in Rai News , 20 febbraio 2015. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  98. ^ Giuditta Mosca, Telecom Italia lancia il fondo seed: 4,5 milioni di euro in tre anni per le startup digitali , in Il Sole 24 Ore , 20 febbraio 2014. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  99. ^ ab Telecom approva la fusione per incorporazione di Ti Media , in Il Sole 24 Ore , 19 febbraio 2015. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  100. ^ Michele Boroni, Telecom Italia diventa TIM: il futuro delle TLC è sempre più mobile , in Wired Italia , 13 febbraio 2015. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  101. ^ Telecom Italia e TI Media, via libera alla fusione , in Il Messaggero , 20 marzo 2015. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  102. ^ Filippo Vendrame, TIM unico marchio commerciale di Telecom Italia , in Webnews , 13 febbraio 2015. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  103. ^ Nino Grasso, Telecom diventerà TIM entro il 2016: Patuano annuncia l’avvio del rebranding , in Hardware Upgrade , 17 febbraio 2015. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  104. ^ Mark Perna, Accordo Sky-Telecom per la pay tv via fibra ottica. Dal 2015 , in Corriere della Sera , 11 aprile 2014. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  105. ^ Telecom Italia: adeguato lo statuto alla disciplina golden power; Recchi Presidente Esecutivo , su telecomitalia.com , 26 giugno 2014. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  106. ^ Telecom Italia: conclusa con successo l’adesione al piano di azionariato per i dipendenti, oltre 96 milioni le azioni richieste in sottoscrizione , su telecomitalia.com , 10 luglio 2014. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  107. ^ Telecom: “infondata l’ipotesi di scorporo della rete” , in la Repubblica , 16 ottobre 2014. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  108. ^ Telecom Italia, al via il programma per la fibra in Molise , in CorCom – Corriere delle Comunicazioni , 27 ottobre 2015. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  109. ^ E Telecom punta cento milioni sulla banda ultra larga in Puglia , in la Repubblica , Bari, 16 febbraio 2015. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  110. ^ A Potenza la rete in fibra ottica di nuova generazione , su comune.potenza.it . URL consultato l’8 agosto 2018 .
  111. ^ Digital divide, Montagnareale primo comune in Sicilia , in Gazzetta del Sud , 31 luglio 2015. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  112. ^ Stelio Buzzelli, Basilio Catania , Diodato Gagliardi e Federico Tosco, Optical fibre field experiments in Italy: COS1, COS2 and COS3/FOSTER , in CSELT rapporti tecnici , VIII, n. 3, Torino, CSELT , settembre 1980, pp. 121-127, ISSN 0390-1815 ( WC · ACNP ) .
  113. ^ Telecom Italia: 50 anni di ricerca e innovazione a Torino , in La Stampa , 3 dicembre 2014. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  114. ^ Centro studi e laboratori telecomunicazioni , Optical fibre communication , Torino, Levrotto e Bella, 1980.
  115. ^ Franco Valentini, Le idee che verranno. Per l’azienda che vuole avere successo e per quanti vogliono stimolare la propria creatività , 1ª ed., Milano, FrancoAngeli, 2007, ISBN 978-88-464-8254-9 .
  116. ^ Primo sintetizzatore vocale , su multescatola.com . URL consultato il 6 giugno 2015 (archiviato dall’ url originale il 14 luglio 2015) .
  117. ^ Telecom, compie 50 anni TILab: centro di ricerca a Torino dal 1964 , in LaPresse , 3 dicembre 2014. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  118. ^ Telecom Italia prepara l’IPO di Inwit. Ecco le ultime novità , in Il Messaggero , 17 aprile 2015. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  119. ^ Elena Dal Maso, Telecom sale grazie a Inwit e alla banda ultralarga , in MF Milano Finanza , 13 aprile 2015. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  120. ^ Consip aggiudica la gara SPC: con il nuovo Sistema Pubblico di Connettività la PA risparmia 2 miliardi di euro in 7 anni , su consip.it , Consip , 28 aprile 2015. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  121. ^ Telecom Italia – Integrated Connectivity & Services Partner , su expo2015.org . URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 9 agosto 2018) .
  122. ^ Società connessa: Telecom Italia ed Ericsson a Expo 2015 , su silicon.it , 24 novembre 2014. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 9 agosto 2018) .
  123. ^ Pamela Barbaglia e Leila Abboud, Telecom, Vivendi si muove per alzare quota a circa 19% capitale , in Reuters , 2 ottobre 2015. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  124. ^ Il nuovo logo di Tim , in Wired Italia , 13 gennaio 2016. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  125. ^ Carlo Festa, Vivendi si rafforza in Telecom Italia: i francesi al 22,8% , in Il Sole 24 Ore , 21 febbraio 2016. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  126. ^ Carlo Festa, Telecom, Vivendi sale al 23,8% , in Il Sole 24 Ore , 2 marzo 2016. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  127. ^ Telecom: Vivendi si rafforza, è al 23,8% , in ANSA , 1º marzo 2016. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  128. ^ Telecom Italia: Cessazione dei rapporti di lavoro e di amministrazione con Marco Patuano , su telecomitalia.com , 22 marzo 2016. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  129. ^ Cattaneo lascia Tim. L’addio sul tavolo del cda del 24 luglio , in la Repubblica , 21 luglio 2017. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  130. ^ Tim: Cattaneo via per contrasti su sfide , in L’Arena , 4 agosto 2017. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 4 agosto 2017) .
  131. ^ Tim: Vivendi, non c’è controllo di fatto , in ANSA , 7 agosto 2017. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  132. ^ Mila Fiordalisi, Genish svela il piano DigiTim: il digitale cuore della nuova strategia. Via allo scorporo della rete , in CorCom – Corriere delle Comunicazioni , 7 marzo 2018. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  133. ^ Il consiglio di amministrazione di TIM ha approvato il piano strategico DigiTim 2018-2020 , su telecomitalia.com . URL consultato il 6 agosto 2018 .
  134. ^ Antonella Olivieri, Il Tesoro (attraverso Cdp) entra nel capitale di Tim con il 4,2% , 11 aprile 2018. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  135. ^ Tim, ribaltone al vertice: l’ad Genish sfiduciato dal consiglio di amministrazione , su repubblica.it , 13 novembre 2018. URL consultato il 13 novembre 2018 .
  136. ^ Note Legali , su www.gruppotim.it . URL consultato il 17 luglio 2021 .
  137. ^ Tim, Conti si dimette con effetto immediato , su ansa.it , 26 settembre 2019. URL consultato il 26 settembre 2019 .
  138. ^ Tim, Salvatore Rossi nominato presidente , su teleborsa.it , 21 ottobre 2019. URL consultato il 22 ottobre 2019 .
  139. ^ ab Comunicazione sulla fusione per incorporazione ( PDF ), su kenamobile.it , 1º novembre 2019. URL consultato il 4 novembre 2019 .
  140. ^ Consiglio di amministrazione – Membri , su telecomitalia.com , 26 giugno 2018. URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 6 agosto 2018) .
  141. ^ Partecipazioni significative , su gruppotim.it . URL consultato il 30 aprile 2021 .
  142. ^ Telecom, dalla privatizzazione a Colaninno , in Corriere della Sera . URL consultato l’8 agosto 2018 .
  143. ^ Abu Omar, le motivazioni della sentenza. Il giudice accusa il Sismi: “Sapeva” , in la Repubblica , 1º febbraio 2010. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  144. ^ Spionaggio, Storace: “Solo fango”. Berlusconi: “Si accerti la verità” , in la Repubblica , 9 marzo 2006. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  145. ^ Si suicida Bove, dirigente Telecom. Era indagato per spionaggio , in la Repubblica , 21 luglio 2006. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  146. ^ Intercettazioni, arrestati Tavaroli e Cipriani , in Corriere della Sera , 21 settembre 2006. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  147. ^ Giuseppe D’Avanzo, Il silenzio sulle schedature Telecom , in la Repubblica , 25 maggio 2006. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  148. ^ Giuseppe D’Avanzo, Dall’Inter a Telecom i 100 mila file degli spioni , in la Repubblica , 23 maggio 2006. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  149. ^ Carlo Bonini e Giuseppe D’Avanzo, Parla l’uomo dei dossier “Così spiavo per Telecom” , in la Repubblica , 2 giugno 2006. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  150. ^ Elio Veltri, L’idra Telecom , in l’Unità , 12 ottobre 2006. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 21 agosto 2014) .
  151. ^ Inchiesta Telecom, Mancini arrestato per i dossier e le intercettazioni illegali , in la Repubblica , 12 dicembre 2006. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  152. ^ Dalla Telecom alla Sia, gli uomini di Cipriani , in Corriere Fiorentino , 22 ottobre 2008. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  153. ^ Brother Award Italia 2007 , su bba.winstonsmith.info , 19 maggio 2007. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  154. ^ Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Milano , Informazione di garanzia e sul diritto di difesa; avviso di conclusione delle indagini ( PDF ), parte 1, N. 25194/08-stralcio del proc. 30382/03 R.G1.NR Mod. 21, 14 luglio 2008. URL consultato l’8 agosto 2018 . Ospitato su la Repubblica .
  155. ^ Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Milano , Informazione di garanzia e sul diritto di difesa; avviso di conclusione delle indagini ( PDF ), parte 2, N. 25194/08-stralcio del proc. 30382/03 R.G1.NR Mod. 21, 14 luglio 2008. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 16 luglio 2011) . Ospitato su la Repubblica .
  156. ^ Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Milano , Informazione di garanzia e sul diritto di difesa; avviso di conclusione delle indagini ( PDF ), parte 3, N. 25194/08-stralcio del proc. 30382/03 R.G1.NR Mod. 21, 14 luglio 2008. URL consultato l’8 agosto 2018 . Ospitato su la Repubblica .
  157. ^ Raffaella Calandra, Dossier illegali Telecom, Tronchetti e Buora «vittime» , in Il Sole 24 Ore , 21 luglio 2008. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  158. ^ Dossier illeciti Telecom ecco l’atto integrale dei pm , in la Repubblica , Milano, 21 luglio 2008. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  159. ^ Luca Fazzo, Processo Telecom, Tavaroli in aula , in il Giornale , 13 giugno 2012. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  160. ^ Giuseppe D’Avanzo, “E Tronchetti mi disse: Le abbiamo chiesto troppo” , in la Repubblica , 21 luglio 2008. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  161. ^ Giuseppe D’Avanzo, Tavaroli: “Tronchetti mi ordinò un dossier sui soldi ai ds” , in la Repubblica , 22 luglio 2008. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  162. ^ Fissazione dell’udienza preliminare , su tribunale-milano.net . URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 13 aprile 2016) .
  163. ^ Dossier illegali, il governo ammette “Segreto di Stato, ma parziale” , in la Repubblica , 5 gennaio 2010. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  164. ^ Luigi Ferrarella, L’inchiesta sui dossier illegali Telecom e Pirelli patteggiano , in Corriere della Sera , 1º febbraio 2010. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  165. ^ Emilio Randacio, Dossier illeciti, Telecom parte civile nel processo contro Tronchetti Provera , in la Repubblica , 18 febbraio 2013. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  166. ^ Luca Fazzo, Dossier Telecom, Cipriani “Lavoravo per Tronchetti Le indagini erano per lui” , in il Giornale , 12 febbraio 2010. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  167. ^ Dossier Telecom. Emanuele Cipriani accusa: “Lavoravo per Tronchetti” , in Affaritaliani.it , 12 febbraio 2010. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  168. ^ Cipriani accusa Tronchetti al processo Telecom , in Il Sole 24 Ore , febbraio 2010. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  169. ^ Tribunale di Milano , Verbale di udienza redatto da fonoregistrazione. Procedimento penale a carico di: Bernardini Marco + 33 [deposizione imputato Ghioni Fabio] ( PDF ), parte 1, N. 9633/08 RG, 5 marzo 2010. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 22 agosto 2012) .
  170. ^ Tribunale di Milano , Verbale di udienza redatto da fonoregistrazione. Procedimento penale a carico di: Bernardini Marco + 35 [deposizione imputato Ghioni Fabio] ( PDF ), parte 2, N. 9633/08 RG, 26 marzo 2010. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 13 aprile 2016) .
  171. ^ Tribunale di Milano , Verbale di udienza redatto da fonoregistrazione. Procedimento penale a carico di: Bernardini Marco + 19 [deposizione imputato Ghioni Fabio] ( PDF ), parte 3, N. 9633/08 RG, 12 aprile 2010. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 13 aprile 2016) .
  172. ^ Spie e telefoni, Ghioni: Tronchetti sapeva di attacco a Kroll , in Reuters , 5 marzo 2010. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 21 agosto 2014) . Ospitato su borsaitaliana.it.reuters.com.
  173. ^ Punto 2-Spie e telefoni, Tronchetti: Tavaroli agiva per suo conto , in Reuters , 9 marzo 2010. URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 13 aprile 2016) .
  174. ^ ab Dossier illegali, condannati gli spioni di Telecom , in la Repubblica , 14 febbraio 2013. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  175. ^ Vittorio Malagutti, Braccialetti elettronici, in dieci anni 80 milioni per controllare 14 detenuti , in il Fatto Quotidiano , 3 ottobre 2012. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  176. ^ Thomas Mackinson, Violenza donne, braccialetto elettronico a stalker. Conflitto d’interessi per Cancellieri? , in il Fatto Quotidiano , 9 maggio 2013. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  177. ^ Cancellieri: “Braccialetto elettronico per stalker e pool specializzati” , in il Fatto Quotidiano , 9 maggio 2013. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  178. ^ Informativa di TIM SpA ai Clienti relativa ai servizi Kena ai sensi della normativa sulla protezione dei dati personali ( PDF ), su kenamobile.it , novembre 2019. URL consultato il 4 novembre 2019 .
  179. ^ Condizioni generali di contratto per la fornitura del servizio mobile e condizioni d’uso della SIM Kena Mobile ( PDF ), su kenamobile.it , novembre 2019. URL consultato il 4 novembre 2019 .
  180. ^ Atto di fusione per incorporazione in TIM SpA della controllata totalitaria Noverca Srl ( PDF ), su telecomitalia.com , 31 ottobre 2019. URL consultato il 2 marzo 2020 .
  181. ^ Progetto di fusione per incorporazione in TIM SpA della controllata totalitaria Noverca Srl ( PDF ), su telecomitalia.com , 27 giugno 2019. URL consultato il 2 marzo 2020 .
  182. ^ Condizioni generali di contratto per la fornitura del servizio mobile e condizioni d’uso della SIM Kena Mobile ( PDF ), su kenamobile.it . URL consultato il 10 settembre 2018 (archiviato dall’ url originale il 10 settembre 2018) .
  183. ^ Chi siamo , su kenamobile.it . URL consultato il 19 novembre 2020 .
  184. ^ Bruno Mucciarelli, Kena Mobile supera il milione di attivazioni. In 3 mesi raddoppiati gli utenti attivi. Ecco le offerte , in Hardware Upgrade , 12 novembre 2018. URL consultato il 9 settembre 2019 .
  185. ^ Relazione finanziaria annuale 2015 ( PDF ), su telecomitalia.com , pp. 326-330. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  186. ^ Seat: la storia , su seat.it . URL consultato l’8 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 26 settembre 2014) .
  187. ^ NN , 9. Le nuove tecnologie di comunicazione e la catena del valore: il caso Seat Pagine Gialle , in NN ( PDF ) ( abstract ), pp. 231-258. URL consultato l’8 agosto 2018 . Ospitato su di.unito.it – Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Torino.
  188. ^ Telecom acquista HanseNet e scommette sulla banda larga , in la Repubblica , 29 luglio 2003. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  189. ^ ab Telecom fa acquisti in Germania prese le attività Internet di Aol , in la Repubblica , 17 settembre 2006. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  190. ^ Telecom Italia: perfezionata la cessione della nuova Seat Pagine Gialle , su telecomitalia.com , 8 agosto 2003. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  191. ^ Paola Longo, Milano sopra la parità, Tiscali in ascesa su cessione Liberty Surf , in MF Milano Finanza , 21 marzo 2005. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  192. ^ Comunicato stampa. Telecom Italia e Tiscali: firmato l’accordo per la compravendita della rete internazionale in fibra ottica di Tiscali ( PDF ), su investors.tiscali.it , 2 agosto 2005. URL consultato l’8 agosto 2018 .
  193. ^ Acotel perfeziona la cessione di Noverca a Telecom Italia , 28 ottobre 2016. URL consultato il 31 ottobre 2016 .
  194. ^ Sirti: mandato a Telecom per cessione 2,75% Meie , in Il Sole 24 Ore , 14 aprile 2000. URL consultato il 6 agosto 2018 ( archiviato l’11 aprile 2013) .
  195. ^ La storia: gli anni ’90 e 2000 [ collegamento interrotto ] , su italtel.com . URL consultato il 6 agosto 2018 .
  196. ^ Telecom Italia: anticipata la vendita di Auna con una plusvalenza di circa 1.100 milioni di euro. Pagamento del prezzo al 1º agosto 2002 , su telecomitalia.com , 22 luglio 2002. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  197. ^ TIM , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell’Enciclopedia Italiana. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  198. ^ Gruppo TIM Bilancio 2004 ( PDF ), su borsaitaliana.it , p. 52. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  199. ^ Finsiel: gruppo Cos ha firmato contratto di acquisto , in Il Sole 24 Ore , 27 aprile 2005. URL consultato il 6 agosto 2018 ( archiviato l’11 aprile 2013) .
  200. ^ Attilio Geroni, Alice France verso il gruppo Iliad , in Il Sole 24 Ore , 10 giugno 2008. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  201. ^ Francia, Telecom vende Alice , in La Stampa , 7 gennaio 2010. URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 7 agosto 2018) .
  202. ^ ( FR ) Pascale Santi, Free rachète Alice à Telecom Italia [ Free acquisisce Alice da Telecom Italia ] , in Le Monde , 9 giugno 2008. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  203. ^ Telecom Italia: perfezionata la cessione di Hansenet a Telefónica ( PDF ), su telecomitalia.com , 16 febbraio 2010. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  204. ^ Cessione di Elettra Tlc (Sparkle). Avviata la data room , in CorCom – Corriere delle Comunicazioni , 13 novembre 2009. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  205. ^ Ceduto a France Telecom il 70% di Elettra Tlc , in CorCom – Corriere delle Comunicazioni , 1º ottobre 2010. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  206. ^ Telecom vende Loquendo agli americani , su tgcom24.mediaset.it , 13 agosto 2011. URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 6 agosto 2018) .
  207. ^ Telecom Italia: Cessione della partecipazione in ETECSA , su telecomitalia.com , 31 gennaio 2011. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  208. ^ Francesca Gerosa, Telecom vende controllata Matrix a Libero per 88 milioni , in MF Milano Finanza , 9 agosto 2012. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  209. ^ Marigia Mangano, Telecom, Cairo compra La7 per un milione , in Il Sole 24 Ore , 5 marzo 2013. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  210. ^ Fusione per incorporazione di Telecom Italia Media SpA in Telecom Italia SpA Iscritto l’atto di fusione ( PDF ), su telecomitalia.com , 29 settembre 2015. URL consultato il 21 gennaio 2016 .
  211. ^ Digitale terrestre, da Espresso e Telecom nasce Persidera , in la Repubblica , 30 giugno 2014. URL consultato il 16 maggio 2015 .
  212. ^ Telefonia fissa e linee telefoniche via cavo , su RS Consulting . URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 22 agosto 2014) .
  213. ^ Bilancio 2007 ( PDF ) [ collegamento interrotto ] , su telecomitalia.it . URL consultato il 6 agosto 2018 .
  214. ^ Relazione deposito 2008 ( PDF ) [ collegamento interrotto ] , su telecomitalia.it . URL consultato il 6 agosto 2018 .
  215. ^ Relazione finanziaria annuale 2009 ( PDF ), su 2009annualreport.telecomitalia.it:80 . URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 24 maggio 2011) .
  216. ^ Relazione finanziaria annuale 2010 ( PDF ), su telecomitalia.com . URL consultato il 6 agosto 2018 .
  217. ^ Relazione finanziaria annuale 2011 ( PDF ), su telecomitalia.com . URL consultato il 6 agosto 2018 .
  218. ^ Relazione finanziaria annuale 2012 ( PDF ), su telecomitalia.com . URL consultato il 13 settembre 2013 .
  219. ^ Relazione finanziaria annuale 2013 ( PDF ), su telecomitalia.com . URL consultato il 6 agosto 2018 .
  220. ^ Comunicato stampa: esaminata ed approvata dal consiglio di amministrazione la relazione finanziaria annuale al 31 dicembre 2014 ( PDF ), su telecomitalia.com , 19 marzo 2015. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  221. ^ Telecom Italia: Approvati i risultati preliminari al 31 dicembre 2015 , su telecomitalia.com , 16 febbraio 2016. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  222. ^ TIM Group – 2018 Annual Report ( PDF ), su telecomitalia.com , 29 marzo 2019.
  223. ^ Il marchio Telecom Italia e la sua storia , su archiviostorico.gruppotim.it . URL consultato il 6 agosto 2018 .
  224. ^ abc Quotazioni – Telecom Italia , su soldionline.it . URL consultato il 18 gennaio 2021 .
  225. ^ Capitale Sociale , su telecomitalia.com , 20 giugno 2017. URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall’ url originale il 6 agosto 2018) .
  226. ^ Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri , Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (DPCM) 11 ottobre 2010 ( PDF ), in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana , Serie generale, anno 151, n. 277, Roma, 26 novembre 2010, pp. 9-11. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  227. ^ Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri , Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (DPCM) 11 ottobre 2010 , su gazzettaufficiale.it , 26 novembre 2010. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  228. ^ Biblioteca, riapertura a settembre , in il Centro , 14 agosto 2011. URL consultato il 18 gennaio 2021 .
  229. ^ TIM Archivio storico , su archiviostorico.gruppotim.it . URL consultato il 6 agosto 2018 .
  230. ^ TIM Official [TIM_Official], “Abbiamo 18km lineari di immagini di archivio storico: vogliamo renderle accessibili a tutti e in Creative Commons” (Tweet), su Twitter , 18 maggio 2016. URL consultato il 6 agosto 2018 .
  231. ^ Complesso archivistico: Telecom Italia SpA , su SIUSA . URL consultato il 4 maggio 2018 .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://cocnc.org/wiki/Flash_Fiber”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

 
Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione richiesta.
Riceverai in tempi celeri una risposta.